Quantcast

Coronavirus L’Aquila, dopo discorso Conte assalto a Carrefour

Coronavirus L'Aquila, assalto al Carrefour dopo il discorso del premier Conte. Carrelli colmi di cibo e spesa a numero chiuso per evitare assembramenti.

Coronavirus, in serata preso d’assalto Carrefour all’Aquila.

Coronavirus: l’estensione della zona rossa e la proroga nella chiusura delle scuole fa scattare una psicosi alimentare e la corsa sfrenata alle scorte.

Stessa situazione, stando sempre a fonti verificate, anche al Carrefour h24 di Pratola Peligna.

carrefour

Dalle 22 circa, come riferito da fonti verificate, i due punti vendita Carrefour dell’Aquila sono stati presi d’assalto da tanti cittadini.

Acqua, pane, pasta, carne, scatolame: questa la spesa e la dieta in tempo di emergenza Coronavirus.

carrefour

All’interno del punto vendita della Torretta tante le persone in fila che intorno a mezzanotte aspettavano perchè, come da disposizioni del decreto “Coronavirus”, anche per la spesa si devono evitare assembramenti e quindi si deve fare a “numero chiuso”.

Infatti, sono state fatte entrare le persone un po’ la volta, per evitare assembramenti. Tra una tornata e l’altra, sempre secondo quanto riferito, anche un’ora di fila.

carrefour

Intorno alle 23.30 non erano in funzione i pagamenti con il bancomat; ma semplicemente perchè come di consueto, intorno a quell’ora vengono fatte le chiusure.

Situazione più tranquilla nel punto vendita di via Vicentini, che non è aperto h24 ma fino a mezzanotte.

Per quanto riguarda la paura di rimanere senza cibo, a fare chiarezza è arrivata anche Donatella Prampolini, vicepresidente di Confcommercio, che ha voluto sottolineare come il rischio di non trovare prodotti alimentari attualmente non esiste ma ciò non toglie che gli accessi saranno controllati per rispettare la distanza di sicurezza di un metro per fare in modo che si evitino assembramenti.

Allarme prezzi

E se gli italiani si sono fatti prendere nuovamente dalla corsa alla spesa al supermercato, il Codacons ha lanciato l’ allarme prezzi e ha creato un servizio per monitorare i listini al dettaglio e per permettere ai consumatori di segnalare rincari anomali.