Coronavirus, chiuso anche il pronto soccorso di Tagliacozzo

Coronavirus, il personale di Tagliacozzo trasferito ad Avezzano a causa di carenza di personale. Momentaneamente sospesa l'attività del Punto di Primo intervento dell'Umberto I

Chiude anche il Punto di Primo intervento di Tagliacozzo. Il provvedimento è stato dettato dalla carenza di personale del Pronto Soccorso e accettazione dell’ospedale di Avezzano, che ha reso necessario il trasferimento di personale sanitario.

Il primo cittadino Vincenzo Giovagnorio è stato costretto a smentire le false notizie circolate sui social e su alcune testate, in merito alla causa della chiusura del Primo Intervento, da alcuni riportata. Il medico di Cerchio, risultato positivo al Covid-19, non ha lavorato a Tagliacozzo. Il provvedimento di sospensione temporanea, disposto dalla Asl1, è giunto per necessità di ridistribuzione del personale per far fronte all’emergenza sanitaria in atto.

«Smentisco categoricamente, sentito anche il Direttore sanitario del P.O. di Tagliacozzo, Dott. Carmine Viola, che il punto di primo intervento di Tagliacozzo sia stato chiuso perché “nei giorni scorsi ha lavorato il medico risultato positivo al conoravirus e ricoverato al reparto di malattie infettive dell’ospedale del capoluogo regionale”, come qualcuno ha scritto sui social. L’informazione non corretta, diffusa da irresponsabili, sta generando preoccupazione e panico in Tagliacozzo».

«Il motivo della chiusura al pubblico del punto di primo intervento di Tagliacozzo, è specificato chiaramente nella circolare della Asl1 Abruzzo n. 0054468/2020, recante ad oggetto: “Punto di primo intervento presso il presidio ospedaliero di Tagliacozzo. Emergenza Covid-19. Disposizione”, è la presa d’atto del “grave stato di emergenza in corso è considerata la carenza di personale nell’organico della dirigenza medica e del comparto operante nella UOC di pronto soccorso e accettazione del P.O. di Avezzano. Ritenuto di dover procedere, allo scopo di fronteggiare lo stato emergenziale in oggetto richiamato, all’adozione di ogni provvedimento utile al riguardo ivi compresa la ridistribuzione delle risorse umane disponibili. Per quanto sopra esposto si dispone la sospensione, con decorrenza immediata, temporaneamente e comunque fino al termine dell’emergenza in parola, di ogni attività del punto di punto di primo intervento: dirigenti medici, c.c. Pippi. S.s..-Infermieri e ho ho. S.s.. S.s.. Prestino la propria attività lavorativa nella Uoc di pronto soccorso e accettazione del presidio ospedaliero di Avezzano”.

La nota della ASL1 Abruzzo è a firma Direttore generale dottor Roberto Testa, del Direttore sanitario aziendale dottoressa Maria Simonetta Santini e del Direttore amministrativo aziendale Stefano Di Rocco.