Quantcast

Coronavirus, Biondi: “Sospensione per le attività che non rispettano le regole”

Riunione al Comune dell'Aquila per l'analisi del nuovo decreto. Il sindaco Biondi: "Sospensione dell'attività per chi non rispetta le regole".

L’AQUILA – Coronavirus, gli esercizi di ristorazione devono far rispettare distanza tra clienti. Biondi: “Attenersi alle regole, infrangerle comporta sospensione attività”.

Le manifestazioni, gli eventi, gli spettacoli di qualsiasi natura, compresi quelli nei cinema e nei teatri, in luoghi pubblici e privati, sono sospesi fino al prossimo 3 aprile. Lo riferisce il sindaco dell’Aquila Pierluigi Biondi, alla luce di quanto stabilito dal decreto del presidente del Consiglio dei ministri di ieri, entrato in vigore oggi, 8 marzo. Il decreto prevede misure restrittive in particolare per la Lombardia e per 14 province di quattro regioni, ma anche precise prescrizioni che valgono per tutto il territorio nazionale.

Il sindaco sta tenendo una riunione con dirigenti e funzionari del Comune dell’Aquila per esaminare il contenuto del dpcm e per eventualmente formalizzare una linea d’azione compatibile con le normative nazionali e regionali.

“Oltre alla sospensione di manifestazioni, eventi e spettacoli in qualsiasi luogo – ha aggiunto Biondi – il decreto prevede che i gestori di ristoranti e bar debbano far rispettare la distanza di almeno un metro tra i clienti. Non ottemperare a questa regola comporta l’immediata sospensione dell’attività. Valutiamo con le istituzioni competenti le modalità di controllo da parte delle forze di vigilanza, per il rispetto rigoroso di questa misura”.

Sempre fino al 3 aprile, secondo quanto disposto dal dpcm in vigore da oggi, sono sospese le attività di pub, scuole di ballo, sale giochi, sale scommesse, discoteche e locali assimilati. Anche in questo caso. non osservare tale regola comporta la sospensione dell’attività. Chiusura anche per musei e per gli istituti e luoghi di cultura come tali definiti dal codice dei beni culturali e del paesaggio.

“I titolari di tutti gli esercizi commerciali – ha aggiunto il sindaco Biondi, richiamato il decreto – devono garantire l’adozione di misure tali consentire un accesso contingentato, onde evitare assembramenti, sempre con l’obbligo di far rispettare la distanza di almeno un metro tra le persone”.

Resta confermata la sospensione delle competizioni sportive, a meno che non si svolgano a porte chiuse e senza presenza di pubblico.

Il provvedimento del presidente del Consiglio dei ministri, inoltre, contiene delle specifiche misure di informazione e prevenzione sanitaria.

Si ricorda che tutti i provvedimenti assunti a livello nazionale e regionali e le conseguenti disposizioni comunali sono pubblicate nella sezione speciale del sito internet del Comune dell’Aquila, dove è reperibile anche una pagina riservata alle modalità operative degli uffici comunali.