Quantcast

Imprese pagano in ritardo: L’Aquila fanalino di coda d’Abruzzo

L'Aquila ultima, in Abruzzo, per la tempistica dei pagamenti da parte delle imprese: sono i dati diffusi dallo Studio Pagamenti 2019 di CRIBIS.

L’Aquila ultima, in Abruzzo, per la tempistica dei pagamenti da parte delle imprese: sono i dati diffusi dallo Studio Pagamenti 2019 di CRIBIS.

Abruzzo dodicesimo in Italia per numero di imprese più puntuali, primo fra le regioni del Sud e delle Isole. Teramo è la provincia più virtuosa, ultima L’Aquila.

Sebbene negli ultimi dieci anni le aziende italiane che pagano clienti e fornitori con più di 30 giorni di ritardo siano quasi raddoppiate (+90,9% dal 2010 a oggi), nel 2019 il loro numero è diminuito dell’8,2% rispetto al 2018. È quanto emerge dallo Studio Pagamenti 2019 di CRIBIS, società del gruppo CRIF specializzata nella business information. Le imprese che pagano entro 30 giorni sono aumentate del 3,2%, mentre quelle puntuali sono diminuite del 2,2%.

L’Emilia-Romagna è la prima regione per numero di imprese più puntuali (43,6%), precedendo di misura la Lombardia (43,5%), mentre l’Abruzzo, con il 27,1%, è al dodicesimo posto, prima fra le regioni del Sud e delle Isole; Brescia, Sondrio e Bergamo occupano il podio della classifica delle province italiane, che vede Teramo (64ma) in testa alle province abruzzesi, seguita da Chieti (66ma), Pescara (76ma) e L’Aquila (86ma). Rispetto al 2018, Teramo guadagna 4 posizioni ma la performance migliore è quella dell’Aquila, che ne scala ben 6, mentre Pescara ne perde una. L’Aquila e Pescara sono inoltre le province abruzzesi con la maggiore percentuale di imprese che adempiono i propri obblighi di pagamento con un ritardo di oltre 30 giorni (entrambe 17%).

Fra le province italiane, la meno virtuosa nei pagamenti è Trapani, preceduta da Reggio Calabria, Crotone, Cosenza e Catanzaro.

L’analisi di CRIBIS, aggiornata al quarto trimestre 2019, rileva che in Italia a dicembre 2019 oltre un terzo delle imprese (34,7%) effettua i pagamenti nei termini previsti, un dato leggermente inferiore rispetto al 2018 (35,5%), mentre oltre la metà (54,8%) adempie i propri obblighi di pagamento con un ritardo massimo di 30 giorni (53,1% nel 2018) e il 10,5% con oltre un mese di ritardo (11,4% nel 2018).

“È in corso un’inversione di tendenza positiva”, commenta Marco Preti, Amministratore Delegato CRIBIS, “anche se al Sud e nelle Isole c’è ancora tanto da fare: è qui, infatti, che le imprese incontrano maggiori difficoltà, con solo il 21,8% di pagamenti regolari. Il Nord Est, con il 42,4%, si conferma invece l’area geografica più affidabile. La Sicilia, con il 17,3%, occupa l’ultima posizione del ranking regionale dei pagamenti puntuali, preceduta dalla Calabria (18,2%. L’Emilia-Romagna, invece, conquista la prima posizione per numero di imprese puntuali (43,6%), sorpassando di poco la Lombardia (43,5%) e il Veneto (42,3%)”.

Le microimprese, con il 36,7% di pagamenti alla scadenza, sono quelle più virtuose, ma registrano anche la quota più elevata di ritardi gravi (11,9%, a fronte del 7% delle piccole, il 5,3% delle medie e il 5,1% delle grandi).

In base allo Studio Pagamenti di CRIBIS, il gruppo merceologico più puntuale è quello dei servizi finanziari (44%), seguito dal manifatturiero (40,7%) e da quello delle costruzioni (38,3%). Il commercio al dettaglio, dove i pagamenti alla scadenza interessano solo il 24,8% delle imprese, è quello con la situazione più critica, con il 16,7% delle imprese che presenta un’incidenza di ritardi gravi. I ritardi superiori ai 30 giorni sono diffusi anche nel settore rurale, caccia e pesca (11,9%), dei servizi (9,9%), trasporti e distribuzione (9,4%).