L'Aquila News IlCapoluogo - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Attualità e Sport

Coronavirus, positivo anche il secondo test sul turista di Roseto

Dopo il secondo test eseguito dallo Spallanzani, è ufficiale: il turista brianzolo arrivato a Roseto ha il Coronavirus.

Conferma dal secondo test per il turista di Roseto degli Abruzzi: è Coronavirus.

Il secondo test eseguito dall’Istituto Spallanzani di Roma ha confermato la positività al Coronavirus – Covid 19 del paziente brianzolo arrivato in villeggiatura a Roseto degli Abruzzi. L’uomo è ricoverato nel reparto di malattie infettive dell’ospedale di Teramo. Al momento, dunque, in Abruzzo si registra ufficialmente il primo caso. Lo comunica il Servizio Prevenzione e Tutela della Salute della Regione.

Il paziente, residente nella bassa Brianza, era arrivato a Roseto degli Abruzzi lo scorso venerdì insieme alla famiglia, per trascorrere qualche giorno nella loro abitazione di villeggiatura. Al presentarsi dei sintomi della malattia, è stato subito ricoverato e sottoposto al primo test che, eseguito a Pescara, è risultato appunto positivo. In accordo con la Protezione Civile sono state messe in atto tutte le procedure previste e la famiglia messa in isolamento in casa a Roseto. Nella tarda serata di giovedì 27 febbraio, quindi, la conferma dal secondo test eseguito allo Spallanzani di Roma: il turista è stato contagiato dal Coronavirus.

Coronavirus, scuole chiuse solo a Roseto

Scuole chiuse a Roseto fino a sabato. Ad Atri, che aveva disposto in forma precauzionale la chiusura nella giornata di ieri, e nei centri circostanti scuole e uffici regolarmente aperti.

“Tutte aperte nella giornata di venerdì le scuole di ogni ordine e grado a Giulianova così come gli uffici pubblici – dichiara il Sindaco di Giulianova Jwan Costantini – non siamo in emergenza sanitaria perché il caso che ha visto positivo al virus il turista brianzolo è stato totalmente circoscritto e le autorità sanitarie sono riuscite a risalire ai luoghi che ha visitato e alle persone con cui è stato in stretto contatto in questi giorni che, tra l’altro, sono state tutte poste in quarantena”.

Coronavirus a Roseto, ricostruiti tutti gli spostamenti del paziente 1 abruzzese

Il Servizio di Epidemiologia e Igiene Pubblica della ASL di Teramo, intanto, ha rimesso alla Direzione Generale la relazione inerente la mappatura di tutti gli spostamenti del cosiddetto “paziente 1 abruzzese”, che sono avvenuti esclusivamente all’interno del territorio comunale di Roseto degli Abruzzi e solo per due giornate, prima dei sintomi della malattia.
Sono state rintracciate anche le singole persone con cui il paziente avrebbe potuto avere contatti all’interno del ristorante dove ha cenato un’unica volta e all’interno del bar dove si è recato, anche in questo caso, un’unica volta.

I contatti così rintracciati sono stati già sottoposti a sorveglianza sanitaria e, al momento, nessuno presenta sintomi che possano far pensare ad un eventuale contagio, così come asintomatici restano anche i familiari più stretti del paziente, che rimangono comunque in isolamento fiduciario nella loro abitazione di Roseto. Migliorano,
peraltro, anche le condizioni cliniche del “paziente 1” che non ha più febbre.

L’Assessore Verì ha informato tutti i presenti delle misure di prevenzione ulteriori che la Regione sta mettendo in campo, nell’ipotesi di possibili nuovi casi di malattia: postazioni di pre- triage all’interno di tende pneumatiche posizionate all’esterno degli Ospedali principali in modo da evitare il transito di eventuali pazienti a rischio all’interno dei Pronto Soccorso; aumento del numero dei letti nel Reparto di Malattie Infettive dell’Ospedale di Pescara dove è stata allestita anche una camera a pressione negativa che possa ospitare i casi più gravi; ecc.

Anche l’Ing. Silvio Liberatore, Dirigente della Protezione Civile Regionale si è detto molto rassicurato dal fatto che siano stati già tracciati tutti gli spostamenti del paziente 1 che, di fatto, descrivono una situazione fortemente circoscritta, confermando così l’Abruzzo una regione “fuori cluster”.

X