L'Aquila News IlCapoluogo - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Attualità e Sport

A24 e A25, UE boccia piano investimenti governo

A24 e A25: la Commissione europea non valida il documento finanziario (Pef). A rischio investimenti sulle autostrade abruzzesi.

L’Unione Europa boccia il Pef (piano economico finanziario) di Strada dei Parchi mettendo a rischio gli investimenti destinati alla messa in sicurezza delle autostrade abruzzesi A24 e A25.

La Commissione europea ha messo in un cassetto il documento di revisione delle tariffe e gli investimenti da 3 miliardi e 100 milioni di euro, a causa del lungo silenzio del governo italiano.

L’Ue, dopo aver sollecitato invano l’esecutivo di Giuseppe Conte, ha congelato per adesso la partita.

“La Commissione europea – sottolinea Mauro Fabris, il vice presidente di Strada dei Parchi (gruppo Toto) – ha chiuso il dossier relativo al piano economico finanziario perché il Governo italiano non ha fornito quei chiarimenti chiesti per due volte”.

Questo stop mette a rischio tutti i programmi della concessionaria di A24 e A25.

Questo perchè i cantieri aperti sulla A24 e A25 sono legati a una serie di finanziamenti da 192 milioni di euro della prima tranche del Pef messi in agenda con il precedente governo Conte.

La revisione del documento fu avviata dall’ex ministro dei trasporti Danilo Toninelli, per poi tornare in mano a Paola De Micheli, che durante il tour in Abruzzo rassicurò sul futuro delle autostrade da mesi al centro di accuse e controaccuse.

Come riporta Il Centro, proprio per questo motivo è stato più volte rimandato un incontro al ministero con i primi cittadini di Abruzzo e Lazio.

Unica consolazione, a fronte di una battaglia che si trascina da due anni, è stata l’ennesima proroga dei maxi-aumenti autostradali fino alla fine del 2021.

“La proroga dello stop ai maxi-salassi, un primo risultato frutto di questi due anni di mobilitazione, va nella direzione giusta – sottolinearono il sindaco di Carsoli Velia Nazzarro insieme agli altri colleghi Fernando Antonio Marzolini (Rocca Di Botte), Antonio Paraninfi (Oricola), Alfonsino Scamolla, (presidente del consiglio comunale di Pescina) e i primi cittadini laziali, Fiorenzo De Simone (Vicovaro), Francesco Pelliccia (Subiaco), Enzo Aureli (Pisoniano) – ma l’obiettivo finale resta lo stesso: l’approvazione del Pef con tariffe eque e piano di investimenti per la messa in sicurezza dell’autostrada. Alla luce del periodo festivo e delle assicurazioni dell’onorevole Pezzopane abbiamo dato l’ok al congelamento delle azioni di lotta in attesa dell’incontro. Se, però, non avremo riscontri, torneremo a farci sentire”.

X