L'Aquila News IlCapoluogo - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Attualità e Sport

Alto Aterno, donati un minibus ed una panda ai Comuni di Montereale e Cagnano

Sono stati consegnati due autoveicoli di primaria importanza per le necessità di due paesi, Montereale e Cagnano Amiterno, nell'Alto Aterno

Con una toccante cerimonia sono stati consegnati venerdì 14 due autoveicoli di primaria importanza per le necessità dei due paesi, Montereale e Cagnano Amiterno, nell’Alto Aterno.

I due comuni sono alle prese con mille problematiche, essendo stati interessati dai terremoti del 2009, 2016, 2017.

Trattasi di uno scuolabus donato a Montereale e di una Panda a Cagnano, acquistati con un’iniziativa di solidarietà a sostegno delle popolazioni terremotate da parte dei sindacati dei pensionati di Cgil, Cisl e Uil, un progetto condiviso con le segreterie provinciali.

In un clima da grande occasioni, che è stato anche il modo migliore per esprimere gratitudine e ringraziamento al Sindacato dei pensionati autore dell’importante donazione, si è tenuta l’emozionante cerimonia.

Ad aprire la manifestazione, tenutasi nella scuola primaria recentemente donata dalla Fondazione Prosolidar insieme ad altri, e fare gli onori di casa il sindaco di Montereale Massimiliano Giorgi. Egli visibilmente commosso ha iniziato ringraziando i Sindacati per l’importante donazione che allevierà problemi e fornirà un servizio in più ai cittadini.

“Si è pensato al minibus , ha affermato il Sindaco, poiché Montereale si articola in 36 Frazioni per una superficie totale di quasi 100Km quadrati e qui vivono moltissime persone anziane. Purtroppo i servizi vengono sempre meno poiché il punto di riferimento è il livello demografico che nelle Frazioni è in continua discesa. Qui vivono persone che non hanno parenti e la necessità di raggiungere il Comune dove ci sono la posta, la banca, la farmacia il distretto sanitario, ecco l’importanza del pulmino che farà un servizio navetta. Quindi un vero e proprio servizio sociale.”

Al contempo, stando alle intenzioni del Sindaco, servirà per accompagnare nei fine settimana i giovani all’ Aquila per una sicurezza loro personale, in quanto possono bere anche un bicchiere in più senza correre il rischio di fare incidenti e per una maggiore tranquillità delle famiglie. Ha concluso tra gli applausi il suo intervento specialmente quanto ha messo in evidenza l’ importanza, sebbene casuale, della donazione nel particolare giorno dedicato all’amore poiché anche la donazione fatta a Cagnano e Montereale è uno spassionato gesto d’amore.

Ha ricordato, giustamente, il problema della RSA, un importante volano economico per il territorio ed un vero servizio sociale per tanti anziani dell’Alto Aterno, in cui non è dato sapere per quale motivo il giorno dell’apertura delle buste per decidere l’assegnazione dei lavori è stato bloccato tutto. Se si continua di questo passo si arriverà ad una mobilitazione generale non solo dell’Alto Aterno ma di tutti i Sindaci del comprensorio che già hanno dato la loro adesione come ha ricordato anche il Sindaco di Cagnano.

A seguire la dott.ssa Ferraro, della prefettura dell’Aquila, ha portato il saluto suo personale e quello del Prefetto dicendo che segue con la massima attenzione le vicende dei territori in particolar modo quelli in difficoltà ed ha ringraziato i donatori degli autoveicoli. E’ sta poi la volta del Sindaco di Cagnano Amiterno Iside Di Martino che nel suo intervento di saluto e di ringraziamento ha messo in evidenza “il valore della solidarietà di persone lontane nei confronti di territori colpiti da vari terremoti ed il valore della gratitudine, degli ammistratori, e della vicinanza” ha proseguito. “Siamo una trincea con pochi mezzi e pochi soldati , oggi qualche mezzo in più è arrivato: lo useranno i giovani del servizio civile che donano un anno della loro vita alla Comunità. Siamo in un territorio bellissimo al confine tra due Regioni, il Lazio e l’ Abruzzo, ma fortemente
fragile poiché oltre ad essere interessati dagli eventi sismici i servizi sono molto costosi ed è al contempo difficile fare assegnare delle risorse in funzione della vastità del territorio”

In chiusura sono intervenuti i segretari delle tre sigle che all’unisono hanno messo in bella evidenza il valore della donazione e della solidarietà. Dopo i saluti di rito i donatori e gli amministratori si sono spostati nel
Municipio di Cagnano Amiterno per sottoscrivere il Protocollo d’intesa. Un grazie di cuore, anche da parte di chi scrive, per l’importante donazione effettuata alla propria Comunità di appartenenza.

X