L'Aquila News IlCapoluogo - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Attualità e Sport

Gabriele Cirilli, si chiude il giallo dei cachet non pagati a Sulmona

Si chiude a Sulmona la vicenda dei cachet non pagati a Gabriele Cirilli che aveva organizzato nel 2018 un premio dedicato a Ovidio.

Arriva la pace tra lo showman Gabriele Cirilli e la sua Sulmona dopo il “giallo” dei cachet non pagati per l’evento Premio d’amorosi sensi Ovidio.

Tutto è cominciato nel 2018, quando Gabriele Cirilli organizzò a Sulmona, sua città natale, l’evento “Premio d’amorosi sensi Ovidio” che ebbe anche un gran successo di pubblico, richiamando in città quasi 5 mila persone.

Al Premio parteciparono anche alcuni voti noti del piccolo e grande schermo come Lorena Bianchetti e Flavio Insinna.

Lo spettacolo che si tenne il 13 agosto, venne organizzato da Cirilli insieme all’associazione “Insieme semplicemente”, presieduta da Anselmo Colarossi.

Il premio ha avuto il patrocinio dal Comune di Sulmona ed organizzato anche dall’associazione Metamorphosis, di cui era presidente Luisa Taglieri e sponsorizzato dalla Fondazione Carispaq, di cui oggi il padre di Luisa TaglieriDomenico, è il presidente.

Cirilli ha sempre parlato con affetto delle sue origini, ricordando la famiglia, soprattutto il nonno che per lui avrebbe voluto il posto fisso e portando sul grande schermo e sui palcoscenici teatrali il dialetto e le tradizioni abruzzesi.

Lui, che è partito da Sulmona tanti anni fa per rincorrere un sogno, quello di fare teatro con Gigi Proietti e dopo esserci riuscito è tornato con un Premio dedicato ad Ovidio che ha portato alla “rottura” dei rapporti professionali.

Questo perché dopo il premio, tutti gli impegni presi dagli sponsor e dagli organizzatori sono stati disattesi: “non ho visto un centesimo e non solo per il mio cachet, ma anche per pagare i miei colleghi e i miei collaboratori. Non ci è stato rimborsato nemmeno l’albergo!”, aveva spiegato all’epoca Cirilli sentito dal Capoluogo.

Dopo quasi 3 anni la diatriba sembra conclusa e  le parti hanno raggiunto un accordo davanti alla Camera di conciliazione forense di Sulmona, alla presenza degli avvocati Piercarlo Cirilli e Annasara Di Pietro.

Pace fatta quindi grazia a una mediazione raggiunta, con la quale è stata versata a Cirilli una somma a titolo di contributo spese per la direzione artistica, l’ideazione e la conduzione dell’evento.

A Cirilli, inoltre, è stata riconosciuta un’ulteriore somma compensativa di 5mila euro, che lui ha già devoluto all’associazione Aias onlus di Sulmona che aveva realizzato le statuette di Ovidio date poi in premio ai partecipanti.

“Si mette così la parola fine ai fraintendimenti che erano sorti nell’agosto dello scorso anno durante un confronto a distanza affidato alla stampa sulle criticità che avevano alla fine caratterizzato la manifestazione, la cui ultima edizione si è tenuta nel 2018”, scrive in una nota l’avvocato Piercarlo Cirilli.

X