Quantcast

Addio Lucas, il saluto della scuola di San Demetrio

La morte di Lucas, di soli 4 anni, ha gettato nello sconforto l'intera comunità di San Demetrio nei Vestini, che si stringe alla sua famiglia.

banner articoli_okLa morte di Lucas, di soli 4 anni, ha gettato nello sconforto la comunità di San Demetrio nei Vestini, che si stringe alla sua famiglia.

A ricordarlo con affetto e commozione anche il dirigente scolastico dell’Istituto Comprensivo Statale Cesira Fiori di San Demetrio – Rocca di Mezzo, Antonio Lattanzi.

Il piccolo Lucas, di soli 4 anni, figlio di una giovane coppia di rumeni residenti a San Demetrio nè Vestini frequentava la Scuola dell’Infanzia ed era stato accolto con amore dalle docenti curricolari, dalla docente di sostegno, dalla assistente, dal personale collaboratore scolastico e da tutta la comunità del nostro Istituto” ricorda Lattanzi.

“Un bambino dolcissimo e sfortunato nato con una gravissima patologia che lo costringeva a rimanere immobile sul suo passeggino, assistito con amorevole cura da tutti e accolto con gioia dalle bambine e dai bambini della Scuola dell’Infanzia di San Demetrio.
Questa notte il suo piccolo cuore si è fermato, l’ennesima crisi lo ha strappato alla sua famiglia e a tutti noi, lasciandoci una tristezza infinita e quel senso di vuoto che si manifesta quando la vita ci pone davanti ad eventi incomprensibili.
I genitori hanno deciso di riportare il piccolo Lucas in Romania, nel proprio paese dove, finalmente libero, riposerà per sempre”

“La comunità scolastica di San Demetrio, affranta dal dolore, si stringe alla famiglia di Lucas e troverà il modo di onorare la memoria di questo sfortunato bambino la cui vita ha attraversato la nostra come una meteora lasciandoci tutti più poveri. Ciao Lucas”

Il bambino era in trattamento presso l’ospedale San Salvatore di L’Aquila per una malattia metabolica rara.

È quanto ha riferito ai microfoni del Capoluogo la dottoressa Sandra Di Fabio, Direttore del Dipartimento Neonatale e primario della Terapia Intensiva Neonatale. “Già lo scorso anno aveva avuto una grave crisi respiratoria ed era stato ricoverato al Bambino Gesù. I genitori hanno riportato al personale medico che il bambino era stato colto da uno stato influenzale negli ultimi giorni”.

L’allarme è scattato nella notte fra sabato e domenica, intorno alle 3: i genitori, al momento di misurare la febbre, si sono accorti che il bambino era in arresto cardiaco. È stato allertato il 118, dopodiché sono scesi in strada a San Demetrio per aspettare l’ambulanza, visto che il vicolo dove si trova l’abitazione è troppo stretto per il mezzo di soccorso.

Minuti interminabili per i giovani genitori originari della Romania che cercavano di rianimare il loro unico figlio, insieme alla Guardia medica che intanto era arrivata sul posto. Una volta giunta l’ambulanza, il bimbo è stato trasportato presso il pronto soccorso del San Salvatore, mentre i genitori hanno raggiunto l’ospedale a bordo di un mezzo di una parente. Per il bimbo, però, non c’è stato nulla da fare.

La piccola salma partirà mercoledì prossimo per la Romania, dove si terranno i funerali.