Cotugno, il Musp può attendere

Slitta il trasferimento del Cotugno al Musp di via Madonna di Pettino.

Dopo l’annuncio del vicepresidente della provincia, non si è ancora concretizzato il trasferimento del Cotugno al Musp di via Madonna di Pettino.

“Il Cotugno non si trasferirà nel Musp di via Madonna di Pettino. Almeno per ora”. Così in una nota il consigliere provinciale Paolo Romano che sottolinea: “Eravamo rimasti alle parole del vicepresidente della Provincia, Vincenzo Calvisi, che ne assicurava l’ingresso per l’inizio del 2020. La nuova tempistica stimata, al netto di ulteriori intoppi, sarebbe indicata nel mese di marzo, vale a dire ad anno scolastico quasi ultimato. Oggi infatti lo stesso Calvisi e il presidente della commissione provinciale per l’edilizia scolastica, Francesco De Santis, inviano una nota alla dirigente scolastica del Liceo Cotugno, alla dirigente scolastica dell’IIS A. Bafile, al sindaco Biondi e al presidente del Consiglio Comunale Tinari, per rimangiarsi le promesse fatte agli studenti e alle famiglie e nello stesso tempo smarcarsi da responsabilità che loro stessi imputano adesso al Comune dell’Aquila. Nella nota infatti viene specificato che “se il Musp non avesse necessitato di importanti interventi straordinari, si sarebbe garantito l’uso ai licei nel mese di gennaio 2020′. Interventi legati appunto alla manutenzione straordinaria che sono emersi a seguito di un sopralluogo dell’ente provinciale e dei quali il Comune, responsabile per competenza, non era neanche a conoscenza: 32 Mila euro per adeguamento bagni, impianti, controsoffitti, 7 mila euro per nuove linee telefoniche e dati, 30 mila euro per nuova centrale termica. Un totale di 80 mila euro di lavori dei quali il Comune avrebbe dovuto farsi carico dal momento che era rientrato in possesso dell’immobile a settembre 2019. Ma così non è stato per l’incuria e l’ approssimazione che da sempre contraddistingue questa maggioranza di centrodestra”.