L'Aquila News IlCapoluogo - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Attualità e Sport

L’Aquila, i nuovi equilibri in Consiglio comunale

Consiglio comunale L’Aquila, i nuovi rapporti di forza tra i gruppi consiliari di maggioranza. La Lega, dopo la crisi, è il terzo partito con solo 4 consiglieri.

Gli assestamenti in Consiglio comunale, mentre la maggioranza di centrodestra esce dalla crisi. Ma i nuovi equilibri rischiano di aprire un “tavolo politico permanente” nel centrodestra.

In attesa di comunicati ufficiali che certifichino la chiusura della crisi di maggioranza, comunque concretizzatasi con la sottoscrizione da parte di tutti i partiti del centrodestra di un documento programmatico durante l’ultima riunione di lunedì scorso e con la rinnovata attività della Giunta, il Consiglio comunale fa registrare assestamenti per quanto riguarda i gruppi consiliari. Assestamenti che rischiano di rimettere in gioco i faticosi equilibri conquistati finora.
Tre i passaggi cruciali registrati durante la crisi e a margine della stessa: la defezione di Tiziana Del Beato dalla Lega, l’adesione di Insieme per L’Aquila a Fratelli d’Italia e la federazione tra Forza Italia e UDC.

Com’è cambiato il Consiglio comunale aquilano.

All’origine era Forza Italia il primo gruppo in Consiglio comunale, con ben 7 consiglieri eletti; seguivano Lega e FdI con 4; 2 per Benvenuto Presente e per L’Aquila Futura e 1 per l’UDC. A seguito dell’exploit della Lega, che ha catalizzato consensi e adesioni, e delle note vicende che avevano portato Forza Italia ai minimi storici, con “l’ammutinamento” dei consiglieri che erano andati a formare un nuovo gruppo consiliare, Insieme per L’Aquila, i rapporti di forza tra gli stessi gruppi erano cambiati a favore del partito di Salvini, che però si appresta a tornare “alle origini”.

Il primo riposizionamento, dopo il “doppio addio” di Silveri, prima a Forza Italia e poi a Insieme per L’Aquila per il Gruppo misto, è stato quello di Tiziana Del Beato che, in piena crisi di maggioranza, ha disatteso gli ordini di scuderia della Lega e ha partecipato, votando, al Consiglio comunale per l’approvazione del Bilancio di previsione; diretta conseguenza di quella scelta, l’adesione al Gruppo misto. È poi arrivato il massiccio ingresso in FdI da parte dei consiglieri di Insieme per L’Aquila, passaggio che non ha avuto ancora la benedizione ufficiale del partito. Dulcis in fundo, la federazione tra Forza Italia e UDC. Un rimescolamento che ha portato a nuovi equilibri tra i gruppi consiliari.

I nuovi equilibri numerici in Consiglio comunale.

Forza Italia, dopo aver toccato il fondo con solo due consiglieri, torna protagonista con 5 rappresentanti con Giorgio De Matteis (proveniente da FdI), Chiara Mancinelli, Roberto Tinari, Marcello Dundee e Berardino Morelli. Ai 5 di Forza Italia, si aggiunge – a seguito di annunciata federazione – il consigliere dell’UDC Luciano Bontempo. Il gruppo consiliare sarà così formato da ben 6 elementi.

FdI, che all’esito elettorale partiva con 4 consiglieri, dopo aver “perso” Giorgio De Matteis, conquista Insieme per L’Aquila e si attesta su 5 consiglieri: Ersilia Lancia, Vito Colonna, Ferdinando Colantoni, Giancarlo Della Pelle e Leonardo Scimia. Come detto, però, al momento non c’è alcun assenso formale del partito ai nuovi ingressi.

In “terza posizione”, ma verso il “pari merito” con FdI, grazie a un’intesa politica che promette sviluppi con Roberto Junior Silveri, la Lega L’Aquila con Francesco De Santis, Laura Cucchiarella, Luigi Di Luzio ed Elisabetta De Blasis.

Seguono L’Aquila Futura, con Roberto Santangelo e Luca Rocci, Benvenuto Presente con Daniele D’Angelo, i già citati Bontempo (UDC) e il Gruppo misto con Silveri e Del Beato.

Se al momento la crisi di maggioranza si è chiusa senza prevedere rimpasti, non è detto che nel medio periodo i nuovi rapporti di forza tra i gruppi consiliari non determinino nuovi equilibri anche in Giunta.

X