Erica Nazzicone, morta a 26 anni: l’autopsia e poi l’addio a Trasacco

Erica Nazzicone, morta a 26 anni al pronto soccorso dell'ospedale di Avezzano, dopo essere stata dimessa il giorno prima. Aperta un'inchiesta.

TRASACCO – Domani, sabato 11 gennaio, l’autopsia sul corpo di Erica Nazione, load 26enne di Trasacco morta in circostanze poco chiare, dopo essere arriva al pronto soccorso dell’ospedale di Avezzano. Domenica i funerali.

L’addio ad Erica Nazzicone nella chiesa di San Cesidio, nella sua Trasacco, dove la giovane, assiema alla sua famiglia, gestiva il bar di proprietà. Sul caso, intanto, la procura di Avezzano ha fissato la data dell’autopsia, che verrà eseguita sabato mattina. L’incarico è stato affidato all’anatomopatologo Fabio De Giorgio. Ieri è stata ascoltata dagli inquirenti la madre della vittima. Si sta cercando di ricostruire le fasi che hanno portato alla morte della giovane, per provare a capire se la tragedia poteva essere evitata.

La famiglia, assistita dall’avvocato Leonardo Casciere, ha presentato un esposto alla Polizia. La procura di Avezzano ha aperto un’inchiesta sul caso. È stato disposto anche il sequestro delle cartelle cliniche. Come riporta il quotidiano Il Centro, l’indagine, al momento, è contro ignoti.

La ragazza, secondo quanto ricostruito, era arrivata al pronto soccorso con l’ambulanza il giorno precedente all’improvviso decesso. Aveva avuto un mancamento e accusava un forte dolore alla schiena. Dall’ospedale era stata dimessa dopo un elettrocardiogramma e la somministrazione di una terapia. Quindi Erica era tornata a casa, ma il giorno seguente si è sentita di nuovo male. La situazione sarebbe precipitata. La 26enne è stata così di nuovo accompagnata al pronto soccorso dell’ospedale di Avezzano. Questa volta, però, non c’è stato nulla da fare.