L’Aquila, Tiziana Del Beato lascia la Lega

Tiziana Del Beato si dissocia dalle direttive della Lega sul Bilancio: "Aderirò al Gruppo misto".

Consiglio comunale sul Bilancio, Tiziana Del Beato presente: “Mi sono dissociata, aderisco al Gruppo misto”. Il bilancio passa con 16 voti favorevoli e 7 contrari.

Sin da questa mattina la consigliera Tiziana Del Beato ha risposto all’appello al Consiglio comunale sul Bilancio. Segno evidente che avrebbe lasciato La Lega. Un addio ufficializzato questa sera.

Non poteva passare inosservata, infatti, la sua presenza al Consiglio comunale, disertato dalla Lega.

La consigliera comunale, interpellata a riguardo dal Capoluogo.it, ha sottolineato: “Sono qui per un dovere morale nei confronti della città, in un momento particolare con la prospettiva dell’approvazione del bilancio nell’anno solare. In questo momento rappresento le aspettative della città. Fare muro adesso, in un momento così delicato, non può che dare esiti negativi. Mi sono dissociata dalle direttive del parito, perché credo che le beghe politiche vadano risolte in contesto diverso. A questo punto aderirò al gruppo misto. Da un po’ di tempo non mi identificavo nella leadership e nell’organizzazione partitica”.

“Nel corso della seduta odierna del Consiglio Comunale – ha confermato poi la consigliera in una nota – ho espresso il mio voto a favore del bilancio. Si tratta non solo di una manifestazione di convinto sostegno alla maggioranza con cui sono stata eletta ma di un segnale in favore della città, per dare garanzie agli aquilani e a coloro che più di tutti beneficiano dei servizi offerti dalla pubbblica mministrazione, in particolare famiglie e imprese. In un momento in cui L’Aquila corre, finalmente dopo 10 anni, in una competizione ad armi pari con il resto del Paese, è necessario comporre i dissensi e giocare uniti la partita del rilancio. Per questo è, e sarà importante, rinsaldare e sostenere i legami, operare passi indietro, se necessario, a vantaggio della collettività e rafforzare l’unione politica della coalizione. Il risultato dell’approvazione dello strumento finanziario entro l’anno solare, per la prima volta dall’introduzione della norma sull’elezione diretta del sindaco, è un’eccezionale conquista per L’Aquila. Non è solo un fatto burocratico. Incide profondamente sulla vita cittadina e consente finalmente di programmare le attività dell’ente in maniera lungimirante e tempestiva. Per questo, addolorata, ammetto di non condividere l’impostazione di una parte del gruppo consiliare della Lega che, a mio avviso, ha generato, pur nella tensione dialettica politica e democratica, una conflittualità che è necessario sedare. Rimanendo fedele ai principi ispiratori del centrodestra e alla maggioranza votata dagli Aquilani in maniera decisa il 25 giugno del 2017, ho deciso di aderire al Gruppo misto. Lascio il partito a cui ho dato una parte importante della mia vita politica e di cui, nel mio piccolo, ho contribuito alla crescita, anche partecipando alle competizioni regionali del 10 febbraio scorso e ottenendo 3mila e 500 voti. Mi dispiace di non essere riuscita a dare di più, di non essermi sentita completamente parte del progetto in cui ho creduto. Ma continuerò a lavorare, ridefinendo la mia posizione con una maggiore consapevolezza e pronta a restituire alla città tutta la fiducia che in me ha riposto”.