Ecoisola al Torrione, parte la differenziata integrata

Inaugurata l'ecoisola al Torrione. Il progetto per integrare la differenziata. Le interviste.

Inaugurata l’Ecoisola al Torrione, un sistema totalmente automatizzato da integrare alla raccolta porta a porta. Un’altra Ecoisola in piazza San Domenico.

È in funzione da questa mattina, l’Ecoisola per la raccolta differenziata, installata al Torrione, all’imbocco di via De Gasperi, nei pressi della rotonda vicino alla Questura. All’inaugurazione, il sindaco dell’Aquila Pierluigi Biondi, l’assessore all’Ambiente Fabrizio Taranta e l’amministratore unico dell’ASM, Lanfranco Massimi.

L’Ecoisola è una struttura automatizzata per la raccolta differenziata, che si attiva con la tessera del codice fiscale. Una volta attivato tramite scheda, ciascun contenitore viene aperto avvicinando il palmo della mano ed è così possibile inserire il rifiuto, differenziandolo. Gli operatori dell’Asm ritirano i rifiuti attivando il pannello inferiore, che si apre automaticamente e fa accedere ai bidoni. Il deposito di rifiuti è consentito secondo il tradizionale calendario della raccolta differenziata e va ad integrare la raccolta differenziata porta a porta. Presente anche un sistema di videosorveglianza.

«Il servizio di raccolta differenziata – ha sottoilneato il sindaco Biondi – è arrivato a una percentuale oltre la quale è difficile andare, quindi bisogna necessariamente ripensare le modalità di conferimento e raccolta. Testeremo quest’iniziativa anche in altre parti della città».

ecoisola torrione

«Come amministrazione comunale – ha aggiunto l’assessore Taranta – abbiamo puntato su un contratto di servizio più esteso, così da permettere all’ASM di fare una programmazione diversa. Ovviamente le istituzioni da sole non possono fare tutto, la collaborazione dei cittadini è fondamentale per mantenere la città pulita. Questa sperimentazione ci permetterà di ampliare il progetto e raggiungere anche le frazioni».

«Il progetto – ha precisato l’amministratore unico Massimi – comprende due isole ecologiche, una al Torrione e l’altra in piazza San Domenico, che per il momento sono aperte a tutti e successivamente a determinate utenze limitrofe. Funzionano con il codice fiscale, per conferire secondo le normali procedure della differenziata dagli sportelli anteriori, mentre ai lati c’è lo spazio dedicato alle pile esauste e ai medicinali scaduti».

Le interviste.