Cotilia Terme, le acque termali toccasana da riscoprire per i bambini

Riniti, infiammazioni, stitichezza, influenze. Problemi comuni che possono colpire anche i bambini. Tutti i benefici delle cure termali.

L’AQUILA – Terme di Cotilia, l’incontro tra le cure termali e il mondo dei medici, con i pediatri al primo posto. I benefici delle acque termali, un toccasana da riscoprire per i bambini.

Sono molteplici i giovamenti che possono offrire le acque sulfuree, spesso, però, non sono abbastanza noti. Benefici che garantiscono il benessere del bambino, nel suo percorso di crescita.

Riniti, infiammazioni, stitichezza, influenze, sinusiti. Problemi comuni, che possono colpire i bambini e che possono essere affrontati con le giuste cure termali. Se ne è parlato nelle sale rinnovate di Cotilia Terme, nel corso di un convegno con luminari della medicina termale, riuniti sabato 7 dicembre.

Cotilia Terme, l’incontro con gli esperti

Diletta Marinetti, Direttore sanitario e Otorino di Cotilia Terme, ha spiegato ai microfoni del Capoluogo. «Abbiamo voluto promuovere un momento di incontro tra Cotilia Terme, medici generali e pediatri: vogliamo aprire le porte all’intera realtà medica per far comprendere lo scopo delle cure termali. Queste cure hanno un duplice intento: preventivo e curativo. Contribuiscono al benessere psico-fisico del bambino».

Cotilia Terme, Alberto Villani

Il professor Alberto Villani, Pediatra, Responsabile del Dipartimento di Pediatria del Bambin Gesù, ha illustrato l’importanza delle cure termali per il benessere del bambino. «Negli ultimi anni si è giunti a capire l’importanza del benessere dei più piccoli, di chi, cioè, sta attraversando l’età evolutiva. Dal benessere alle terme ovviamente il passo è breve. Non basta soltanto la cura vera e propria del bambino, pensiamo anche a come il bambino si sente. Ed è ormai ampiamente documentato il beneficio, ad ampio raggio, dei trattamenti termali».

Cotilia Terme, Antonio Fraioli

Il Professor Antonio Fraioli, direttore UOC di Medicina Interna e Termale presso La Sapienza Università di Roma: «Un esempio di utilità della cura termale per i bambini è quello legato ai problemi delle vie respiratorie. Occorre sottolineare, poi, che i medici specializzati nella cura termale consentono, a chi pratica questa terapia, di avere periodi in cui non si fa utilizzo di medicinali».

Cotilia Terme, Mario Fontana

Il professor Mario Fontana, Dirigente medico Reparto medicina termale della Sapienza, ha sottolineato l’importanza di integrare le cure classiche con trattamenti di acque termali. «Negli ultimi tempi ci si rivolge sempre ai farmaci, che sono importanti, ma a volte ci si può curare non con medicine alternative, bensì ricorrendo alla cura termale. In questo modo si possono evitare antinfiammatori – che possono essere gastrolesivi – o antibiotici, che possono alterare la flora intestinale. La medicina termale previene, in questo senso, gli effetti collaterali di alcune categorie di farmaci».

Cotilia Terme, Gioacchino Menunni

Il Dottor  Gioacchinio Mennuni, termalista. «È lungo l’elenco di malattie che possono essere curate attraverso cure termali. Si va dalle malattie che riguardano l’apparato reumatologico, quello scheletrico, otorinolaringoiatrico, urinario, vascolare e ginecologico». In quale fase della malattia le terme possono diventare essenziali? «Nella fasi in cui quella patologia non è acuta. Ad esempio: se si soffre di osteoartrosi o osteoartrite del ginocchio. Se l’articolazione è tumefatta, arrossata, ha indici di flogosi attiva, si è in presenza di una controindicazione all’utilizzo della cura termale. La cura termale va fatta quando si è di fronte allo stato di quiescenza della malattia, poiché è una cura a bassa intensità, non aggressiva».

Cotilia Terme, Laura D’Ignazio

Laura D’Ignazio, specialista in Gastroenterologia e specializzata nell’idrocolon terapia. L’idrocolon «può essere fatto anche sui ragazzi, fin dai 10/12 anni. Il bambino viene messo a suo agio, può essere assistito dalla mamma. È utile per affrontare il problema della stitichezza».

 

Pubbliredazionale a pagamento