A24, riaperto il casello di Tornimparte foto

Il casello autostradale di Tornimparte sull’A24 è stato riaperto: le immagini del nuovo viadotto a prova di sisma

Il casello autostradale di Tornimparte sull’A24 è stato riaperto a partire dalle ore 14, sia in entrata che in uscita, in entrambe le direzioni.

Diversi sono stati gli incontri fra la società Strada dei Parchi e gli amministratori locali: questi ultimi hanno sottolineato l’importanza della riapertura del casello di Tornimparte, non solo per la valenza turistica dello stesso ma anche per i disagi che tutti i giorni i pendolari hanno dovuto subire nel doversi recare a L’Aquila per prendere l’autostrada, non potendo usufruire di agevolazioni economiche.

viadotto tornimparte

immagini Strada dei Parchi

Una prima ipotesi di riapertura parlava del 20 novembre: “Salva la stagione sciistica” aveva assicurato Strada dei Parchi, poi, in uno degli incontri dello scorso autunno.

Ai viaggiatori che si metteranno in auto durante il ponte dell’Immacolata, sarà possibile uscire al casello di Tornimparte sia provenendo da Roma che da Teramo, ed entrare in autostrada in entrambe le direzioni.
Il casello di Tornimparte sull’A24 è decisivo per il turismo invernale e per tutti gli sciatori che nelle prossime settimane raggiungeranno gli impianti sciistici di Ovindoli e Campo Felice.

Su questo tratto d’autostrada si sta lavorando sui viadotti per renderli antisismici. Un lavoro imponente da un punto di vista tecnico e logistico.
I tecnici di Strada dei Parchi, per consentire la riapertura, hanno previsto uno spostamento del cantiere a ridosso dello svincolo. Per ridurre al minimo i disagi alla circolazione sono previste chiusure notturne alternate della tratta compresa tra lo Svincolo di Tornimparte e di L’Aquila Ovest. Questo per fare in modo che i lavori di adeguamento sismico siano portati avanti, lavorando di notte sul cantiere e cercando di limitare disagi alla circolazione.
I lavori che renderanno questo viadotto, in pieno cratere sismico de l’Aquila, in grado di resistere a terremoti di forte intensità sono entrati quindi nella fase conclusiva.
Quello di Sant’Onofrio sarà infatti il primo grande viadotto completamente antisismico realizzato in autostrada in zona di alta montagna, a 1100 metri dal livello del mare.

Sulla carreggiata, che è stata completamente rimossa nei mesi scorsi, si sta procedendo a montare il nuovo impalcato che poggerà sulle pile, precedentemente rinforzate per sopportare le azioni sismiche. Ogni singola campata, che unita alle altre formerà la struttura del nuovo viadotto, viene sollevata dalle gru e collocata tra due punti di appoggio, formando così la nuova carreggiata autostradale.

Le nuove travi che compongono l’impalcato sono realizzate in acciaio corten, un materiale che garantisce leggerezza e una maggior elasticità dell’impalcato e quindi una maggior resistenza ai terremoti.

viadotto tornimparte

La nuova struttura del viadotto, completamente elastica, sarà in grado di resistere ai terremoti.