Quantcast

Giornata della Memoria sisma 2009, un ricordo permanente

Giornata della memoria sisma 2009: Un progetto di legge dei consiglieri regionali abruzzesi per non dimenticare la tragedia del 6 aprile 2009 e le sue 309 vittime in modo permanente.

Una Giornata della Memoria per il sisma del 6 aprile 2009 affinchè sia permanente il ricordo delle 309 vittime del terremoto dell’Aquila.

“Per non dimenticare il sisma del 6 aprile”; questa l’intenzione della Regione Abruzzo e del progetto di legge presentato, il cui primo firmatario è stato il consigliere Americo Di Benedetto, ma che ha visto uniti e compatti tutti gli altri consiglieri, di qualunque colore politico, di maggioranza e di opposizione.

giornata della memoria

Il progetto di legge per l’istituzione della Giornata della Memoria delle vittime del sisma del 2009 è stato presentato questa mattina all’Aquila, al Palazzo dell’Emiciclo, alla presenza del consigliere Americo Di Benedetto, del vice presidente vicario Roberto Santangelo e del vice presidente Domenico Pettinari.

Un’idea figlia del decennale, unico disegno di legge passato in commissione con la sottoscrizione di tutti i consiglieri. Ricordare il sisma, quasi 11 anni dopo, mostra un grande senso di volontà di riaprire un discorso di vicinanza rispetto agli accadimenti del 6 aprile 2009. Ora l’ambizione in più è di rappresentare scene di vita, di quello che è accaduto prima anche per chi questa città non la conosce e quindi abbiamo pensato a uno strumento che dia questo spazio di memoria”, ha spiegato Di Benedetto, primo firmatario della proposta.

giornata della memoria

“Aver firmato tutti insieme un progetto di legge per non dimenticare il sisma del 2009 che colpì duramente L’Aquila credo che sia la massima espressione democratica e la cosa più bella che possano fare i politici abruzzesi. Un momento storico per ricordare sempre quello che è accaduto e per far in modo che non accada più”, è il commento di Pettinari.

“Il progetto di legge prevede anche un concorso di idee finanziato dalla stessa Regione Abruzzo, affinchè diventi non solo un momento celebrativo da una Giornata dedicata alla memoria condivisa”, ha aggiunto Santangelo.

Contestualmente alla Giornata della Memoria, un concorso internazionale di arte scultorea, per la realizzazione di statue in memoria apparente e perenne delle vittime del sisma da posizionare in maniera diffusa e ricorrente nel centro storico di tutti i comuni e le frazioni che hanno riportato vittime a seguito dei crolli.

Ogni luogo ha le sue vittime da piangere, da Paganica a Onna, duramente colpita, passando per Lucoli o Tornimparte; il concorso di arte scultorea vuole quindi dar vita non ad un semplice spazio di memoria, ma a un ricordo dinamico, un simbolo di fratellanza e vicinanza che permette alle vittime di “continuare a vivere”.

L’idea nasce dall’impianto delle statue di bronzo presenti a Budapest.

Per l’espletamento di tutte le attività il Consiglio regionale si avvarrà di un comitato ad hoc che avrà tra gli altri un rappresentante dell’Ordine degli architetti, del sindaco dell’Aquila, di un rappresentante per i familiari delle vittime e 3 consiglieri regionali.