Quantcast

Omicidio a Barisciano, 55enne ucciso con colpi alla testa e al torace

Indagini sull'omicidio a Picenze di Barisciano. Attesa per l'autopsia sul corpo del 55enne ritrovato senza vita nella sua abitazione. I dettagli dell'inchiesta.

BARISCIANO – Attesa per l’autopsia sul corpo del 55enne ritrovato senza vita nella sua abitazione di Picenze di Barisciano. L’uomo è stato colpito alla testa e al torace.

Sarà l’autopsia disposta per la giornata di martedì a chiarire le precise cause della morte di Paolo D’Amico, il 55enne originario di Molina Aterno ma residente a Picenze di Barisciano. L’uomo è stato ritrovato privo di vita all’interno della sua abitazione, dopo l’allarme lanciato dai familiari, che non riuscivano più a mettersi in contatto con lui.

In attesa dell’autopsia, comunque, la Procura dell’Aquila con il sostituto procuratore Simonetta Ciccarelli, attraverso il Comando provinciale dei Carabinieri, indaga sull’ipotesi di reato di omicidio volontario. Come scrive Il Messaggero, infatti, l’esito della prima ispezione cadaverica ha evidenziato la presenza di ferite al capo e al torace. In particolare, quelle al torace sarebbero state inferte con un punteruolo, che al momento non è stato ancora ritrovato. L’omicidio sembra essersi consumato all’eterno dell’abitazione, una struttura isolata in aperta campagna, mentre il corpo sarebbe stato trasportato all’interno in un secondo momento. Per il numero delle ferite e lo spostamento effettuato si sospetta che gli assalitori sarebbero stati almeno due.

Ad ogni modo, le indagini dei Carabinieri del Comando provinciale proseguono a 360 gradi attraverso i consolidati canali investigativi: interrogatori, analisi dei tabulati telefonici e dei filmati delle registrazioni della videosorveglianza. Nonostante l’abitazione dell’uomo fosse piuttosto isolata, infatti, da verificare la presenza di indizi nelle registrazioni delle telecamere di una vicina ditta edile.