Quantcast

Giunta nazionale CONI a L’Aquila: sport e storia per la rinascita

La Giunta nazionale del CONI a L'Aquila, per la prima volta nella sua storia. Un saluto al capoluogo d'Abruzzo, a dieci anni dal sisma.

La Giunta nazionale del CONI a L’Aquila: giornata storica per lo sport abruzzese

Lo sport italiano in giacca e cravatta, con l’abito blu delle vesti istituzionali, concede a L’Aquila un saluto doveroso nell’anno che segna il primo vero spartiacque tra la città che è stata è quella che sarà. Un saluto che si traduce nella prima Giunta CONI della storia nel capoluogo d’Abruzzo.

Il decennale del grande sisma vale il primo bilancio in termini di ripresa. Le cifre fanno riferimento alla ricostruzione materiale, agli obiettivi a lunga scadenza più o meno in linea col quadro raccontato oggi dalla città. Ben altra cosa è lo scatto di una popolazione intera, chiamata a tornare a distinguersi nel sociale, nella cultura e, appunto, nello sport.

Il CONI a L’Aquila nell’anno zero dello sport

Avevamo già pubblicato il manifesto della giornata che avrà come culmine la riunione di Giunta a Palazzo Fibbioni. Come citava il comunicato ufficiale diramato dall’ufficio stampa del CONI, “L’organo direttivo, per la prima volta in oltre un secolo di storia, si riunirà nelle stanze istituzionali del capoluogo d’Abruzzo”. Un omaggio a questa terra e l’occasione per tenere accesi i riflettori sul cratere nel decimo anniversario del terremoto.

La delegazione del CONI raggiungerà in mattinata la città e, prima dell’inizio dei lavori, si recherà in visita al Circolo del Tennis “Peppe Verna”.

Eppure la solennità della giornata di domani rischia di essere ricordata, siamo certi in termini benauguranti, come l’omaggio dei grandi nel momento più difficile per lo sport aquilano. A distanza di dieci anni, il vero punto di distacco è proprio questo. Lo chiamiamo “anno zero”: è il crocevia obbligato per le grandi eccellenze aquilane, che hanno scritto le pagine più belle dello sport dell’Aquila.

Se il calcio cittadino aveva già aperto la propria ferita col fallimento dalla massima serie dilettantistica, dopo una stagione sugli scudi (2017-18) e l’approdo ai Play Off, la mancata iscrizione della storica squadra di rugby ha lasciato sotto choc l’intero panorama dell’ovale nazionale. Le maglie che hanno onorato l’L’Aquila sui campi di tutta Italia hanno tirato il fiato e hanno fermato la grande corsa.

L’Aquila dello sport chiamata, ancora una volta, a rialzarsi e ricominciare da capo. Appuntamenti come quello di oggi, con il CONI in città – tra memoria e rinnovata attenzione mediatica – possono essere il primo passo verso nuove storie di sport, si spera dai finali migliori.

Il Coni a L’Aquila, le parole di Biondi

«La riunione della Giunta nazionale del CONI, che per la prima volta si svolge all’Aquila, testimonia il sostegno e la vicinanza dello sport italiano nei confronti della nostra città, che negli ultimi due anni ha ospitato grandi appuntamenti sportivi e punta a candidarsi a capitale europea dello sport 2022». Così il sindaco dell’Aquila Pierluigi Biondi alla vigilia  della storica riunione.