Fagnano Alto, il turismo rurale incontra le ultime strategie social

Religioso, lento o rurale. A Fagnano due giorni dedicati al turismo: rilanciarsi insieme, con nuovi servizi e contro lo spopolamento.

I mille volti del turismo. A Fagnano, due giorni sul turismo rurale, lento, religioso e un intero territorio da valorizzare, anche grazie ai social.

Lunedì 18 e martedì 19 novembre al San Sebastiano, nella frazione di Corbellino, il convegno “Turismo rurale e turismo lento“. Un’iniziativa, di cui Il Capoluogo è Media Partner, che proporrà il confronto tra le diverse tipologie del turismo e un corso di formazione, promosso dall’Ente di Formazione Pea Informa, accreditato dalla Regione Abruzzo, sulla promozione del territorio al tempo dei social.

Sistema turismo, il rilancio oltre la ricostruzione

Tra gli obiettivi dell’iniziativa, finanziata dai Fondi Restart, “creare un momento di confronto tra tutti gli amministratori del territorio, per perseguire la strada più efficace di uno sviluppo economico comune”, ha spiegato Francesco D’Amore, sindaco di Fagnano.

Dalle Rocche a Santo Stefano di Sessanio, fino ad Acciano. L’unione di impegno e risorse per parlare la stessa lingua: quella di una ripartenza fondata su servizi, offerte e iniziative che attraggano turisti.

Video e foto di Antonio Manna

“Il rilancio del nostro territorio deve passare per la valorizzazione delle sue risorse. Bisogna ottimizzare gli sforzi e arrivare all’obiettivo finale di un brand territoriale. Le infrastrutture non bastano. In un contesto in ricostruzione, qual è il nostro, sarebbe illusorio pensare ad un rinnovato sviluppo industriale. Scommettiamo sul turismo e creiamo una rete di servizi“, spiega D’Amore.

Creare un’economia contro lo spopolamento, in questo caso specifico sfruttando un turismo ecocompatibile. E-bike e trekking al primo posto tra le attività che stanno contribuendo al richiamo di visitatori, a più livelli, nella fetta d’Abruzzo incorniciata dal Sirente. Dalle infrastrutture, poi, l’importanza di pubblicizzarle, soprattutto grazie il giusto spazio sui canali web. “Quindi è fondamentale creare pacchetti turistici a 360°, che permettano a chi arriva di scegliere il nostro territorio e restare più tempo possibile”.

Turismo rurale e turismo lento, il programma

Si partirà il 18 novembre alle 10, con i saluti istituzionali del sindaco di Fagnano Francesco D’Amore, del primo cittadino dell’Aquila Pierluigi Biondi e del vice presidente della Giunta regionale, Emanuele Imprudente. Inizierà, quindi, una tavola rotonda, moderata dalla direttrice del Capoluogo Roberta Galeotti, in cui il confronto tra politica e operatori del territorio avrà l’obiettivo di delineare le possibili strade che si aprono alle aree interne, di fronte alla realtà della ricostruzione.

locandina convegno turismo Fagnano

Rispetto dell’ambiente, Blue Economy, possibilità di sfruttare l’ambiente di montagna come palestra d’addestramento, iniziative di turismo religioso sul menù di giornata.

Relatori del convegno saranno: il dottor Gaetano Miranda, antropologo fisico, il dottor Daniele Toto, responsabile comunicazione Kairos, il dottor Gianluca Ranieri, esperto di Blue Economy, e il senatore Gaetano Quagliariello.

Il secondo giorno ospiterà il corso di Umberto Macchi, Social & Digital Coach. Sarà Macchi ad illustrare agli operatori turistici cambiamenti ed evoluzioni nel mondo delle comunicazioni. Il corso – “La nuova Economia, promozione e sponsorizzazione al tempo dei Social” – partirà dalle ore 10 di martedì 19 novembre. Prevede una durata di tre ore e ai partecipanti sarà rilasciato un attestato di frequenza.