Terminal da Tiburtina ad Anagnina, torna l’allarme

Terminal bus da Tiburtina ad Anagnina. Da Roma torna il rischio del trasferimento che penalizzerebbe i pendolari d'Abruzzo.

L’AQUILA – È di nuovo a rischio spostamento il Terminal bus di Tiburtina, destinazione Anagnina.

La Giunta Raggi, infatti, ha approvato la delibera sul progetto esecutivo dei lavori di adeguamento del parcheggio dell’autostazione. Un progetto che prevede la delocalizzazione dell’autostazione stessa, “per i mezzi adibiti alle linee di trasporto pubblico interregionali, nazionali ed internazionali all’interno del nodo Anagnina“.

Immediata la reazione del presidente della Regione Abruzzo, Marco Marsilio, il quale, attraverso una nota inviata alla stampa, ha comunicato di aver inoltrato richiesta di un incontro al sindaco di Roma, Virginia Raggi. Marsilio si è dichiarato, fin da subito “disponibile a un confronto, per mettere in evidenza il ruolo fondamentale che l’hub di Tiburtina assume in un contesto ampio della mobilità da e verso Roma”. Veemente la reazione del sindaco dell’Aquila Pierluigi Biondi:” Raggi dica se vuole penalizzare i pendolari abruzzesi”.

Terminal Bus, dal nodo Anagnina al nodo pendolari

L’allarme relativo allo spostamento del Terminal scatta fin dall’annuncio del provvedimento ad opera della Giunta Raggi. Era poco meno di un anno fa, il 30 ottobre 2018. Preoccupazione immediata tra i pendolari abruzzesi, soprattutto per tutti quelli che, ogni giorno, si recano nella capitale per lavoro o studio.

Anagnina nuovo snodo del trasporto su gomma, con buona pace dei viaggiatori abruzzesi, che alla stazione Tiburtina trovano Termini e il centro città a due passi dalla discesa dal bus. Senza dimenticare cosa comporterebbe “abbandonare” Tiburtina, ovvero rinunciare a un traffico più snello, al collegamento con l’Alta Velocità e allo snodo con le linee metro B e B1. 

Terminal all’Anagnina, le polemiche

Le polemiche scoppiate in seguito alla notizia hanno visto, fin da subito, contrapposte diverse fazioni politiche. Prima una petizione lanciata su change.org, rilanciata dalla parlamentare Pd Stefania Pezzopane, poi la risposta di Sara Marcozzi, “Si tratta di una soluzione temporanea. Si sta strumentalizzando la vicenda”. Una vera e propria battaglia, con interrogazioni parlamentari presentate dal Pd e da Forza Italia. 

Anche la regione, attraverso il consigliere Maurizio Di Nicola, inoltrò richiesta di un incontro al sindaco di Roma, Virginia Raggi, per affrontare il tema della delocalizzazione dell’Autostazione per i mezzi adibiti alle linee di trasporto pubblico interregionali, nazionali ed internazionali, all’interno del nodo Anagnina.

Per sottolineare il NO dell’intera comunità regionale al ventilato temporaneo spostamento del terminal bus, dalla stazione Tiburtina a quella dell’Anagnina, e per comunicare al resto del Paese la propria contrarietà, l‘allora presidente della Regione, Giovanni Lolli, convocò una conferenza stampa, concordata insieme alla Regione Lazio, a Roma, negli spazi del “Terminal Bus Tiburtina”.

Spostamento Terminal da Tiburtina ad Anagnina, vince l’Abruzzo (?)

La vittoria dell’Abruzzo, ora presunta tale, arriva il 29 novembre 2018. Viene scongiurato lo spostamento del Terminal. Passa all’unanimità, infatti, dopo alcuni emendamenti presentati da altri gruppi consiliari, la mozione di FdI in Assemblea Capitolina.

Una mozione che impegna il sindaco Virginia Raggi «a mantenere il terminal bus a Tiburtina, recuperando e riqualificando l’area del piazzale est per realizzarvi una nuova autostazione».

Ad oggi, però, il rischio è tornato e si potrebbe dover ricominciare tutto da capo.

SPOSTAMENTO TERMINAL DA TIBURTINA AD ANAGNINA, INTERVENGONO L’ASSESSORE COMUNALE CON DELEGA ALLE POLITICHE SOCIALI FRANCESCO BIGNOTTI E IL NEO CONSIGLIERE PROVINCIALE LUCA ROCCI.

“A distanza di solo un anno ci troviamo un’altra volta a tenere ancora alta l’attenzione sul possibile spostamento del terminal di arrivo degli autobus provenienti dall’Aquila e dai territori limitrofi, dall’attuale stazione di Tiburtina alla stazione di Anagnina, e ad esprimere il nostro più fermo dissenso per quello che rappresenterebbe un grave disagio per tutti i pendolari e gli utenti in generale.”

A dichiararlo in una nota l’assessore del Comune dell’Aquila Francesco Cristiano Bignotti e il consigliere provinciale Luca Rocci.

“Ci aspettiamo invece interventi concreti a sostegno della mobilità e della sicurezza dei cittadini aquilani ed abruzzesi che quotidianamente percorrono le strade di collegamento verso la Capitale. Siamo sicuri – concludono – che il consiglio della Regione Abruzzo, come già fatto tempestivamente dal vice presidente Roberto Santangelo, insieme alla Giunta regionale, terranno alta l’attenzione su questa tematica evitando inutili disagi per i cittadini del nostro territorio. Di certo noi continueremo ad essere, come anche lo scorso anno, dalla parte dei cittadini.”