Cronaca

Rapina in villa, 65 anni alla banda

65 anni di carcere in tutto per la banda della rapina in villa a Lanciano durante la quale vennero barbaramente seviziati i coniugi Martelli.

65 anni anni di carcere complessivi alla banda che massacrò i coniugi Martelli durante una rapina a Lanciano.

65 anni in tutto, anzi 64 e 10 mesi: queste le pene inflitte ai 6 romeni condannati per una rapina in una villa a Lanciano.

Durante la rapina vennero seviziati e barbaramente massacrati i coniugi Carlo Martelli e Niva Bazzan.

I fatti risalgono al 23 settembre 2018; i due coniugi hanno rinunciato a costituirsi parte civile, non hanno assistito al processo, dicendo di volere solo giustizia ma di voler dimenticare quella notte.

L’udienza, è stata blindata; gli imputati giudicati con rito abbreviato sono: Ion Cosmin, 20 anni, e Costantin Aurel Turlica 22 anni, Ruset Aurel 25 anni, Alexandru Bogadan Colteanu 24, George Ghiviziu 26, Marius Adrian Martin 34.

Gli avvocati degli imputati sono: Paolo e Nicola Sisti che difendono Ghiviziu, Roberto Crognale che rappresenta i fratelli Turlica, Andrea D’Alessandro che difende Martin, Ciotti e Acciaro per Colteanu, Massimiliano Bravin per Ruset e Vincenzo Menicucci per Jacota.

Tutti puntavano a ridurre le pene, considerate eccessive, chieste dal procuratore capo Mirvana Di Serio 7 giorni fa: 18 anni per Colteanu, 14 anni per Martin, la mente del gruppo, Ruset e Costantin Turlica entrati in villa; 12 anni per Ion Turlica e per George Ghiviziu, considerati i “pali”; 2 per Jacota. Richieste fatte sulla base di un’indagine serrata fatta con polizia e carabinieri, che vede oltre 1.200 pagine di accuse.

Queste le condanne: 15 anni e 4 mesi per Colteanu, 11 anni e 4 mesi per Martin, 10 anni per Ruset e Costantin Turlica, 9 anni e 4 mesi per Ion Turlica, 8 anni per Ghiviziu e 10 mesi, pena sospesa, per Jakota.

Come riporta il Centro, le accuse a loro carico sono di rapina pluriaggravata, lesioni gravissime, sequestro di persona e porto abusivo di armi.

L’ultimo atto del processo è iniziato con il rigetto dell’integrazione probatoria presentata dai legali di Colteanu, Rocco Ciotti e Alessandra Acciaro di Teramo.

Nell’integrazione i leali di Colteanu hanno cercato di “tirare fuori” il loro assistito, asserendo di essere in un alatro luogo quella notte e più precisamente all’hotel Alba di Lanciano. Il giudice non ha tenuto conto delle dichiarazioni rilasciate nella memoria, ma ha comunque permesso a Colteanu di rendere dichiarazioni spontanee.

I FATTI

Secondo le indagini effettuate da carabinieri e polizia, a entrare nella villa furono Martin, Colteanu Ruset e Costantin Turlica.

I malviventi salirono in camera da letto e legarono Martelli, poi presero la moglie che era in un’altra stanza  a cui venne anche tagliato un pezzo di orecchio. La donna riferì che a compiere questo barbaro gesto fu proprio Colteanu.

Dopo quasi due ore di pestaggio e aver messo a soqquadro la casa, i rapinatori fuggirono portandosi via un bancomat con il quale ritirarono quasi 2 mila euro, un anello, tre orologi, un paio di orecchini e due collanine.

Tutti i condannati hanno preannunciato ricorso in appello, dopo aver letto le motivazioni che arriveranno in 15 giorni.

leggi anche
manette
Cronaca
Rapina di Lanciano, preso il sesto uomo
manette
Cronaca
Rapina Lanciano, preso anche il quarto uomo
manette
Cronaca
Rapina Lanciano, arrestate tre persone
ProvinciaAq
Cronaca
Rapina in villa, tagliano orecchio a una donna
rapina lanciano
Cronaca
Rapina in villa, fuori uno dei banditi