Cani senza microchip, controlli a tappeto

Carabinieri forestali di Castel di Sangro a lavoro per controllare i cani senza microchip.

Controlli dei Carabinieri forestali nell’Alto Sangro per contrastare e sanzionare i proprietari di cani senza microchip.

I cani sono stati controllati lungo la pista ciclabile di Castel di Sangro, tante le sanzioni per le violazioni relative alla protezione degli animali e alla lotta al randagismo.

I Carabinieri forestali hanno svolto mirati accertamenti con l’obiettivo di dare corretta applicazione alla normativa di settore (Legge 281/1991 e L.R. 47/2013).

Quest’ultima prevede l’obbligo, da parte del proprietario o del detentore, di iscrivere il cane all’anagrafe regionale, entro due mesi dalla nascita, mediante l’applicazione di un microchip, da eseguirsi presso il Servizio Veterinario Asl o presso medici veterinari riconosciuti.

Tolleranza zero durante i controlli, finalizzati anche alla tutela dell’incolumità pubblica, messa a rischio da possibili aggressioni, nelle aree urbane (maggiormente nei pressi di giardini pubblici, strutture sportive e ricettive), nelle quali vige l’obbligo, sancito dall’Ordinanza del Ministero della Salute del 06/08/2013, di condurre l’animale al guinzaglio (da usare per una lunghezza non superiore a mt. 1,50), avendo al seguito una museruola, da applicare in caso di bisogno, e strumenti idonei per la raccolta delle feci.

Nel corso degli accertamenti sono state contestate numerose violazioni ed elevate sanzioni amministrative per diverse centinaia di euro.