Liber L’Aquila, i protagonisti: Alfredo Stoppa

Domenica 29 settembre inizierà la kermesse culturale Liber L'Aquila, dedicata ai ragazzi. Il Capoluogo seguirà da vicino l'evento e ha intervistato uno dei protagonisti della rassegna: Alfredo Stoppa.

Liber L'Aquila, i protagonisti: Alfredo Stoppa

Domenica 29 settembre inizierà la kermesse culturale Liber L'Aquila, dedicata ai ragazzi.

Il Capoluogo, per una precisa scelta editoriale, seguirà da vicino l'evento e ha intervistato uno dei protagonisti della rassegna: Alfredo Stoppa.

Un personaggio che ha in pratica dedicato la vita ai libri: dapprima come lettore appassionato, in seguito come libraio, poi come editore e curatore, infine come autore.

alfredo stoppa liber l'aquila

Alfredo Stoppa per più di 25 anni libraio, dà vita nel 1988 alle edizioni "C’era una volta..." con la volontà di proporre ai lettori libri illustrati di qualità dove testo e immagini sappiano trasmettere emozioni e curiosità, dove le parole scritte o disegnate sappiano narrare una storia comune fatta di rimandi, fughe, adesioni e lievi tradimenti.

 

Alfredo Stoppa a Liber L'Aquila

«Quest'anno ho il gradito compito di presentare dei miei colleghi, autori e librai. Ci sarà una serata dedicata ai miei libri in particolare al libro "La panchina; la serata dedicata sarà il sesto cenacolo, che è dedicato anche all'illustratore Massimiliano Riva e che si terrà venerdì 4 ottobre alle 20:30 presso la casa di ospitalità San Giuseppe. Il cenacolo, come per gli antichi greci, dove si mangiava e nello stesso tempo si parlave con la presenza dell'aedo, si facevano domande e si fornivano risposte.» prosegue Stoppa.

Liber l'aquila

«L'incontro sarà condotto da Maura Picinich, valente critica letteraria, scrittrice  e poetessa, sono molto contento che sia lei a presentare i miei libri. Del resto sono molto felice anche del fatto che l'ottava edizione di Liber L'Aquila tributerà un omaggio importante al marito di Maura, Livio Sossi, persona di cui sono amico da più di 30 anni e continuo ad essere amico nonostante egli abbia "preso il volo". Livio è sempre stato grande esploratore e grande divulgatore della cultura per l'infanzia, soprattutto al centro-sud. Ha sempre avuto la capacità di portare la sua sapienza al di là del nord dov'era nato. Sono felice che abbia tanti amici dappertutto.»

livio sossi

 

Alfredo Stoppa editore

La casa editrice "C'era una volta..." ha avuto una vita di 16 anni, un periodo lunghissimo in un paese in cui esistono "più scrittori che lettori".

«La grossa distribuzione e i grossi marchi sono troppo più potenti delle piccole e medie case editrici. Il mondo del libro è veramente arduo.»

La "filosofia" della casa editrice poteva essere così sintetizzata, con questa breve frase: Io scrittore scrivo, Tu illustratore disegni, Noi Due assieme raccontiamo.

In pochi anni la casa editrice riesce a conquistare uno spazio preciso e riconoscibile nell’ambito dell’editoria per ragazzi, presentando al pubblico autori come Lisbeth Zwerger, Kveta Pacovska (premi internazionali Andersen 1990 e 1992) e Roberto Innocenti (uno dei più affermati illustratori in campo internazionale e premio internazionale Andersen 2008) e promuovendo il lavoro di molti giovani artisti italiani(ricordiamo che illustratori come Giovanni Manna, Octavia Monaco, Cinzia Ruggieri, Adriano Gon, oggi noti non solo a livello nazionale, hanno pubblicato i loro primi lavori con "C’era una volta...").

alfredo stoppa liber l'aquila

Ha ottenuto, negli anni, molti premi nazionali e internazionali e fra questi ricordiamo il riconoscimento ‘’The White Ravens’’, nel 1989, al libro ‘’Il vecchietto che diceva perché’’illustrato da Valeria Della Valentina da un racconto di E. Cummings(miglior libro italiano dell’anno), sempre il "The White Ravens" nel 1992 al libro ‘’Il mago di Oz’’ illustrato da Nicoletta Costa e ridotto per i piccoli da Paola Rodari, il premio ‘’Gianni Rodari’’ nel 1997 con il libro ‘’Il bambino che lavava i vetri’’ di Vivian Lamarque con tavole di Maria Battaglia, il premio Alpi Apuane nel 1997 al libro ‘’Lo schiaccianoci’’ illustrato da Innocenti, la Lista D’Onore 1992 H.C. Andersen per l’ edizione italiana di Pinocchio, sette premi Andersen nazionali attribuiti nell’ordine a L. Zwerger (1990), a K. Pacovska (1992), a R.Innocenti (1994)come migliori illustratori dell’anno,ai libri ‘’Lezioni di tuba’’ di Monique Felix nel 1998 (miglior albo illustrato 0/6 anni), "Il sogno di Arturo" di Cinzia Ruggieri nel 1999(miglior albo illustrato 0/6 anni), "Cenerentola" illustrato da Innocenti nel 2002 (miglior libro illustrato), "L’ultima Spiaggia" di P. Lewis con tavole di Innocenti nel 2003(miglior libro illustrato) e il Super Premio Andersen sempre nel 2003 per "L’ultima Spiaggia" (miglior libro in assoluto dell’anno).

Con le edizioni hanno collaborato altri importanti artisti, quali Pia Valentinis (premio Andersen 2002), Luisa Tomasetig, Alessandra Cimatoribus, Federica Pagnucco, Nella Bosnia, Fabio Dose, Patrizia de Rachewiltz.

La casa editrice è stata diretta da Alfredo Stoppa (uno dei pochi editori italiani che ha avuto l’onore, nel 1993, di far parte della Giuria Internazionale alla Fiera del libro per ragazzi di Bologna) e che ha curato in prima persona la parte redazionale della casa editrice, dai risvolti di copertina alla stesura finale dei testi.

In particolare ha curato alcuni volumi,fra questi ricordiamo Andersen "Fiabe",’"Il Signore e San Pietro in Friuli: fiabe friulane", Agostino e il cane giallo e Agostino va a scuola (scritti a quattro mani con Nicoletta Costa) e la collana di narrativa di classici "L’età d’oro".

Ha curato la versione italiana di alcuni titoli: ‘’L’ultima Spiaggia’’,’’Per sempre’’, “ Il Gatto Pancione” e ‘’Bestiole Beeestiali’’. Ha collaborato come redattore e responsabile dei contatti con la stampa con la casa editrice svizzera Nord Sud e olandese Lemniscaat.

Attualmente collabora come supervisore dei testi con le edizioni Bohem per le quali ha curato la versione italiana di una trentina di libri e, fra questi, citiamo una nuova versione del ‘Pollicino’ di Perrault (con intervista nel programma radiofonico di Rai 3 Fahrenheit), una versione per piccoli del Don Chisciotte e sette titoli del “Ranocchio” ideato e scritto da Max Velthuij(premio internazionale Andersen nel 2008).

Alfredo Stoppa divulgatore

Da sempre Stoppa ha voluto far conoscere i bei libri incontrando insegnanti, bibliotecari, pediatri (anche come docente nel progetto Nati per leggere) e studenti universitari e, soprattutto, centinaia di bambini a cui cerca di far capire la poesia dei testi e la magia delle figure.

Ha fatto parte insieme ad altri sei colleghi dell’associazione “La luna bambina”, gruppo di scrittori e illustratori che hanno tenuto laboratori nelle scuole medie di Pianura e nel carcere di massima sicurezza di Secondigliano (Napoli).

Ha scritto articoli sulla scrittura e sull'illustrazione con riviste specializzate e su quotidiani nazionali e ha fatto parte e fa tuttora parte di diverse giurie (fra queste ‘’Sulle ali delle farfalle’’ a Bordano(Udine) e a Schwanenstadt (Austria), ‘’Pippi Calzelunghe’’ a Casalecchio (Bologna),’’Premio Giufà’’ a Enna, Premio’’Fiabe del Parco’’ a Pieve di Soligo (Treviso), “Premio Stepan Zavrel” a Cassano Jonico e altre.

alfredo stoppa liber l'aquila

Organizza, da molti anni, eventi letterari e mostre di illustrazione (citiamo “C’era una volta...dieci anni fra parole e figure’’ alla Galleria Sagittaria di Pordenone,’’Parole colorate’’ in collaborazione con la Provincia di Padova,’’La nuvola Olga e altre storie il mondo di Nicoletta Costa’’ alla Galleria Sagittaria di Pordenone,”Lèggere le figure leggère’’ a San Vito al Tagliamento, oltre ad essere stato per diversi anni uno degli organizzatori, per il settore ragazzi, di Pordenonelegge.it.

Come ospite ha partecipato a molti eventi letterari nazionali, fra questi: il Festivaletteratura a Mantova,’Fieri di leggere’ nell’ambito della Fiera del libro a Bologna, Fiera del libro di Torino,’L’isola delle storie’ Festival letterario della Sardegna, ’I bambini e il Mediterraneo’ a Ostuni, il festival letterario a Calimera (Lecce)”La lettura ti fa grande”, “Adotta l'autore” a Pesaro. Sulla storia e la produzione letteraria e iconica della casa editrice sono uscite,oltre a centinaia di recensioni, ben sette tesi di laurea.

Alfredo Stoppa, l'editoria per l'infanzia e per i ragazzi

Stoppa tiene corsi di scrittura per bambini, ragazzi e insegnanti e, fra i molti, ricordiamo: il corso tenuto al Villaggio del Fanciullo con patrocinio della Regione Friuli Venezia Giulia, il corso presso il Comitato dell’Età Evolutiva a Jesolo (Ve), il corso di scrittura creativa per ragazzi presso la biblioteca di Vittorio Veneto, la scuola media di Tolmezzo (Udine), la scuola media di Lauropoli (Cosenza),la scuola primaria di Reggio Calabria e la scuola primaria Russo 2 di Pianura( Napoli), i corsi e i seminari organizzati dai Comuni di Venezia, Padova, Brescia, Quarona (Vercelli), Borgomanero (Novara), Zafferana Etnea (Catania), Biasca (Canton Ticino, Svizzera), Lugano (Canton Ticino), Svizzera,) Ferney Voltaire (Francia), Pola (Croazia), Gonars (Udine), Sacile (Pordenone), Biella.

Ha tenuto e tiene anche Master sulla scrittura e sull’illustrazione presso la Facoltà di Scienze della Formazione alle Università di Udine, Padova, Verona e Capodistria (Slovenia). A questi si aggiungono diversi laboratori di scrittura tenuti con alunni delle scuole medie (Maniago, Camposanpiero, Ostuni) e le lezioni svolte all'Accademia Drosselmeir” di Bologna per la formazione dei librai.

«Gli adulti sono i bambini di tanto tempo fa. È fondamentale il rapporto limpido tra parola e immagine.» spiega a Il Capoluogo Alfredo Stoppa.

«A monte ci deve essere sempre una famiglia che introduca alla lettura. Il libro deve essere un oggetto presente in casa. I bambini devono capire che quell'oggetto fatto di carta ha una sua vita, una sua potenzialità.»

 

Alfredo Stoppa autore

Numerose le pubblicazioni a suo nome numerose opere: «Li chiamo i miei 50 figli di carta» scherza Stoppa.

I suoi libri sono stati pubblicati in Italia, Cina e Svizzera, ottenendo prestigiosi riconoscimenti: il premio di Poesia e Fiaba Alpi Apuane nel 2000 col primo lavoro’’Il paese della nebbia e il paese del vento’’ con tavole di Luisa Tomasetig, nel 2005 con “La corriera che va al mare”, nel 2010 con “A scuola di parole” (lo stesso riconoscimento è stato ottenuto anche nel 1997 come miglior editore dell’anno); la segnalazione internazionale ’’The White Ravens’’(menzione d’onore) nel 2002, attribuita dalla Biblioteca di Monaco di Baviera, al secondo lavoro ‘’Di tanto in tanto tondo tondo’’ con tavole di Alessandra Cimatoribus (entrato anche nella cinquina del
premio nazionale ‘’Città di Padova”, unico dei libri premiati scritto per l’infanzia e inserito dalla rivista Liber fra i migliori titoli di autore italiano dell’anno); la segnalazione speciale della giuria del premio nazionale di Bella (Potenza) assegnato al racconto’’L’amico del vento’’, la menzione, sempre con “La corriera che va al mare” con tavole di Alessandra Cimatoribus al premio nazionale Parole senza frontiere 2006 (Regione Trentino alto Adige. L’altro libro ‘’Una storia che sa di mare’’ con tavole di Pia Valentinis è stato recensito non solo sulla stampa specializzata e su giornali nazionali(dal Corriere della Sera a Famiglia Cristiana), ma una rivista del settore l’ha inserito fra i titoli che non devono mancare in una biblioteca ideale.

Il libro ‘’L’amico del vento’’, uscito in prima edizione a cura di alcuni comuni del pordenonese nell’ambito del progetto Salam Shalom, ora ristampato con tavole di Vittoria Facchini dall’editore Tolbà di Matera (con traduzione in arabo e somalo. Testo segnalato dalla rivista Liber come uno dei 10 libri migliori del trimestre 2008).

Successivamente sono usciti nel 2006 “Una bambina coraggiosa” edito da BohemPress e “Foglie e Matite”(opera scritta con altri cinque autori) edizioni del Noce. Ha ottenuto a ottobre del 2005 il Premio Internazionale Cultura Globale con il racconto “Il colore del mare” (inserito nell’antologia “Piccole Storie d’Acqua”, edizioni L’ Orto della Cultura), a dicembre del 2006 il Premio Nazionale Storia di Natale con il racconto “Lo Spilunga” ( concorso sui più bei testi natalizi, indetto dalla casa editrice Interlinea, con il patrocinio della Regione Piemonte, della Provincia di Novara e della rivista Andersen), ad aprile 2007, il premio internazionale “The White Ravens” per il testo “ Una bambina coraggiosa” con illustrazioni di Maurizio Quarello, il Premio Fantasia d’Oro da parte del comune di Bari per il contributo dato negli anni alla diffusione della letteratura per ragazzi in Italia e il Premio Primo Voto (sempre al testo “Una bambina coraggiosa”) assegnato dai bambini delle scuole di Napoli al miglior libro dell’anno.

A marzo 2008 ha ottenuto il primo posto al concorso nazionale “ Premio delle Palme” a San Vito dei Normanni (Brindisi) con l’ opera “ Ciao ( Falzea). Questo ultimo titolo e il successivo “ Due occhi due nonni” (Orecchio Acerbo), oltre ad essere stati recensiti su tutte le riviste specializzate, hanno trovato un ampio spazio sul Corriere della Sera (Ciao) e su Famiglia Cristiana (Due occhi due nonni) e su altre pubblicazioni nazionali. I libri ‘’ Ciao’’ e " Due occhi due nonni"sono stati segnalati come due dei migliori albi illustrati dell’anno dalla rivista Liber e dal programma radiofonico di Rai 3 Fahrenheit.

Inoltre due libri “Quanto mare” e “Due occhi due nonni” sono stati finalisti nel Premio Nazionale Città di Bella(Potenza). Nel tempo sono usciti : “Chi perde è un'Acciuga” con tavole di Antonio Ferrara (Tolbà, con traduzione in tedesco, inglese e bulgaro), “ Quanto mare...” con tavole di Sonia Possentini (Falzea), “ Un amico diverso’’ con tavole di Sonia Possentini ( Il Coscile),“ L’ ultimo della classe’’ con tavole di Pia Valentinis (Città Aperta)e intervista su Radio3 Fahrenheit e recensione su Famiglia Cristiana, “ La Porta’’ con tavole di Brunella Baldi( Lineadaria), i racconti " Un paio di stivali rossi" e" Un fiume di parole" con tavole di Chiara Balzarotti (edizioni Eventi e progetti), “Sembrava un corvo”, “Un Bambino” e “Come un sogno”(Kite edizioni, con tavole di Sonia Possentini e Alessandro Sanna), “Animatti”, “Grande o piccolo”, “Da grande” , “ L'onda bandita” e “Il gioco del tempo”(La Margherita edizioni, con tavole, nell'ordine di Valentina Morea, Sonia Possentini, Sandro Natalini, Sonia Possentini e Chiara Carrer), “Ruggine”(Coccole Book, con tavole di Lucia Sforza), “La bestiaccia grugnì”, “ Gattacicova” e “Amico d'acqua, amico di terra”( Botalla editore, con tavole, nell'ordine, di Chiara Balzarotti, Samanta Malavasi e Sonia Possentini), “I passi del padre”(Euno edizioni. Questo titolo è finalista al premio nazionale Leggimi Forte), “Caterina Controvento”(Ediciclo edizioni), “Le lune di Pinocchio” e “ Chiara e Scuro”( Di Marsico, con tavole di Antonio Boffa e Massimiliano Riva), “ A scuola di parole”(edizioni svizzere ESG, con tavole di Renata Gallio), “ La valigia di Mr. Trip( le Brumaie editore con tavole di Massimiliano Riva), “Luigi Tenco. Il ragazzo che sapeva sognare (Alba edizioni, premio Qualità Microeditoria)),” Augusto Daolio. Un aquilone in volo”(Alba edizioni), “Il Sentiero”( Sikè edizioni),”Un calcio al cielo”( L'Orto della Cultura, con tavole di Massimiliano Riva), “Gattacicova”(Le Brumaie, con tavole di Chiara Balzarotti) “ Senzanome”( Euno edizioni), “Una Bugia”( Sikè edizioni), “ Re Mida”( Lisciani).

Ha pubblicato anche una serie di racconti brevi inseriti nei’’Quaderni di Barbara’’, antologia di scritti presentati annualmente dalla rivista Andersen alla Fiera Internazionale del libro per ragazzi di Bologna, il racconto ‘’ Il Riccio’’( inserito nel volume ‘ Testa d’ uovo e le sue storie’, a cura della scuola primaria De Amicis di Pordenone) e i racconti ‘’ L’ ultimo Chicchirichì” e “ Un’ estate”( a cura dell’associazione Irfea di Cassano allo Jonio-Cosenza).

Un intervento-saggio sulla scrittura e l’illustrazione per ragazzi dal titolo ‘ Io scrivo, tu disegni, noi raccontiamo’ è inserito nel volume “ Raccontare ancora’’ curato da Silvia Blezza Picherle per le edizioni dell’Università Cattolica di Milano Vita e Pensiero. Sulla sua opera di scrittore sono uscite quattro tesi di laurea in Italia e una a Salisburgo, in Austria). Dal 2015 è anche direttore editoriale della neo collana per ragazzi delle edizioni Ediciclo. Dal 2019 è direttore editoriale delle collane “ I Miti” e “ I Poemi” per le edizioni Lisciani.

Nel 2006 ha collaborato ai testi della sceneggiatura del documentario “ Chi è Cappuccetto Rosso?” della regista Eva Ciuk (sulla realtà dei Rom in Kossovo). Il cortometraggio ha ottenuto una Menzione Speciale al Festival internazionale del cinema di frontiera a Siracusa ed è finalista del premio nazionale Nicklodeon a Spoleto. Nel 2004 gli viene conferito a Pordenone il Premio San Marco (il più prestigioso riconoscimento a livello provinciale) per la sua attività di editore e scrittore.