Quantcast

L’Aquila, 30 pistole per le pattuglie della Municipale

Le nuove pistole in dotazione alla Municipale serviranno solo per la difesa personale in base alla nuova normativa e ai nuovi compiti assunti dalle pattuglie.

Un arsenale di 30 pistole per la Polizia Municipale dell’Aquila con un uso limitato alla difesa personale.

Le pistole sono state acquistate dal Comune dell’Aquila tramite una delibera del dirigente Tiziano Amorosi di agosto scorso che prevede la fornitura di armi corte da sparo comprese le munizioni per un totale di 19 scatole di proiettili da 50 colpi.

La decisione è stata adottata dal momento che la Municipale dell’Aquila aveva in dotazione circa 20 armi ormai obsolete.

Non potranno essere usate per scopi diversi dalla difesa personale; secondo l’attuale normativa infatti non si possono utilizzare nè per difendere il cittadino da un’aggressione, nè come strumento offensivo o dissuasivo nell’ambito di attività di prevenzione e repressione dei reati.

Come riporta Il Centro, la spesa è stata fatta in un negozio dell’Aquila; il costo di armi e munizioni è di circa 15 mila euro. L’acquisto è stato possibile dopo il nulla osta da parte della Questura. Il modello scelto è una “Tanfoglio Force”, una pistola semiautomatica con doppio caricatore prodotta a Brescia.

Si tratta, in particolare, di un modello destinato all’autodifesa con calibro “9 X 21”.

Le nuove armi vano considerate anche in virtù del cambiamento negli ultimi anni del ruolo della Polizia Municipale; è stato previsto, con una recente delibera comunale, che i vigili urbani lavorino anche di notte con un potenziamento dei servizi di controllo in centro storico e sulle strade aquilane.

Da anni, ormai, i vigili urbani fanno attività di polizia giudiziaria, estendendo le loro competenze con un proprio nucleo a palazzo di giustizia

Tra gli obiettivi il pattugliamento del territorio e la salvaguardia dei monumenti. Servizi che talvolta mettono gli operatori a contatto con persone di dubbia sobrietà e reputazione: la sola presenza di personale armato può essere un deterrente importante nei riguardi di malintenzionati. E per questo nuovo servizio di presidio notturno sono stati stanziati 20 mila euro. .