Quantcast
Festival del cinema di venezia

Lectura Ovidii di Davide Cavuti al Festival di Venezia

Il Festival del Cinema di Venezia parla abruzzese con la presentazione oggi di Lectura Ovidii, il docufilm del regista di Francavilla Davide Cavuti.

Il film documentario “Lectura Ovidii” scritto e diretto dall’abruzzese Davide Cavuti, liberamente ispirato alle opere di Publio Ovidio Nasone, sarà presente alla 76esima “Mostra Internazionale del Cinema di Venezia”.

La presentazione di “Lectura Ovidii” oggi, mercoledì 4 settembre alle 18, nella Sala Tropicana 1 dell’Hotel Excelsior di Venezia Lido, in collaborazione con la Fondazione Ente dello Spettacolo.

lectura ovidii

Ci sarà Davide Cavuti con Luciana Della Fornace, presidente nazionale di Agiscuola, Caterina Fantauzzi, dirigente Istituto Ovidio e project manager del progetto, Pino Ammendola, attore protagonista, Federico Savina, docente del Centro Sperimentale di Cinematografia di Roma.

Il progetto cinematografico Lectura Ovidii verrà presentato anche questa mattinaalle ore 12.30 presso l’Italian Pavilion, nella Sala Tropicana Conferenze dell’Hotel Excelsior.

“Sono felice di poter presentare a Venezia il film-documentario sulla figura del poeta abruzzese Ovidio – afferma Davide Cavuti – e di parlare, attraverso le sue opere, di uno dei padri della poesia a livello internazionale. Senza Ovidio non esisterebbero Shakespeare, Dante, Petrarca”.

“Ringrazio tutti i miei collaboratori, il cast artistico e tecnico di questo mio progetto cinematografico. L’idea di realizzare il film-documentario è nata con lo scopo di promuovere le opere di uno straordinario autore quale Ovidio, con la valorizzazione della sua immensa produzione letteraria”, aggiunge.

L’anteprima mondiale del film-documentario Lectura Ovidii, c’era stata nel mese di giugno presso il TIFF Bell Lightbox di Toronto dove Cavuti aveva ricevuto il prestigioso riconoscimento Award of Excellence dall’ICFF Festival di Toronto, durante la serata di gala che aveva visto protagonisti il Premio Oscar Nick Vallelonga.

“Ovidio è il magister amoris per eccellenza”, spiega Caterina Fantauzzi dirigente scolastica del polo umanistico di Sulmona.

“La sua poesia, sempre avvincente e attuale, è apprezzata da tutti per ciò che comunica, per ciò che insegna. La Lectura Ovidii ha permesso ad un vasto pubblico di conoscere il grande poeta latino, grazie all’intervento di importanti studiosi e di grandi artisti che hanno creduto nel progetto”, chiarisce ancora.

L’IIS Ovidio di Sulmona ha realizzato la Lectura Ovidii in occasione del bimillenario ovidiano con la direzione artistica del regista Davide Cavuti che, con il suo talento, ne ha fatto un film documentario.

Il cast del film è composto da Pino Ammendola (Ovidio), Maria Rosaria Omaggio (Fabia), Franco Oppini (un amico di Ovidio a Tomi), Edoardo Siravo (Imperatore Tiberio) e (nelle “Lecturae”) la partecipazione straordinaria di Michele Placido oltre a Maddalena Crippa, Lino Guanciale, Ugo Pagliai, Giorgio Pasotti.

Hanno partecipato al film, inoltre, gli attori Angelica Cacciapaglia, Gabriele Cicirello, Flavio Francucci, Rossella Mattioli.

Il regista Cavuti è originario di Francavilla al Mare, laureato in Ingegneria elettrica presso l’Università degli Studi dell’Aquila è, inoltre, musicista e compositore di colonne sonore cinematografiche e per il teatro.

Ha collaborato con Giorgio Albertazzi, Michele Placido, Pasquale Squitieri, Giorgio Albertazzi e con i compositori Premio Oscar, Ennio Morricone, Nicola Piovani, Luis Bacalov.