Corteo Perdonanza, dietro le quinte: la vestizione dei figuranti

Backstage Perdonanza 2019, la vestizione dei figuranti. Immagini e interviste ai protagonisti del Corteo.

L’AQUILA – Perdonanza 2019, partito il conto alla rovescia per il corteo, i figuranti si presentano alla città vestiti negli abiti che riporteranno L’Aquila indietro nel tempo. Indietro fino al primo Giubileo della storia.

Alla Caserma Rossi di L’Aquila la vestizione dei figuranti, a partire dai protagonisti del corteo del Perdono, la Dama della Bolla, il Giovin Signore e la Dama della Croce.

La Perdonanza, nel segno del decennale, vedrà i volti di Sara Luce Cruciani e Federico Vittorini, portare, rispettiavemente, l’astuccio della Bolla e il Ramo d’Ulivo ed Elisa Ceci, presentata ieri pomeriggio, consegnare nelle mani del cardinale designato, Giuseppe Bertello, il cuscino con la Croce, come omaggio a colui che avrà il compito di aprire la Porta Santa.

Nello stabile della Caserma Il Capoluogo ha raccolto le testimonianze di chi, durante il rito della preparazione, attendeva emozionato l’appuntamento di oggi, con una tradizione, spesso, di lunga data. Giovani aquilane con alle spalle già numerose Perdonanze e numerosi cortei. Cambiano gli abiti ma resta il batticuore dell’evento dell’anno a L’Aquila, tra fede, storia e rinnovata spiritualità.

Ad assistere i figuranti il tenente colonnello Pietro Piccirillo, la sarta Katia De Dominicis, la parrucchiera Cinzia Monaco. In fondo alla stanza, pronti per essere indossati, gli abiti del corteo, realizzati da Giovanna Di Matteo.

vestizione figuranti
vestizione figuranti
vestizione figuranti
vestizione figuranti