Perdonanza 2019, Corteo della Bolla: gli orari e le curiosità

Come ogni anno, il 28 agosto sfilerà per le strade della città il corteo della Bolla. Il Capoluogo ha intervistato Giovanna Di Matteo, che da 12 anni cura gli abiti della manifestazione.

Perdonanza 2019, Corteo della Bolla: gli orari e le curiosità. Il 28 agosto dalle 15:30 la lunga diretta Live del Corteo Storico su IlCapoluogo.it.

facebook-articolo

Come ogni anno, il 28 agosto sfilerà per le strade della città il corteo della Bolla e condurrà fino alla basilica di Collemaggio.

 

Il corteo partirà alle 16 da Palazzo Fibbioni, per poi radunarsi davanti a San Bernardino.

Arriverà nella quasi totalità alle 17:45 a Collemaggio.

«Non ci sono stravolgimenti o novità sostanziali» ha commentato Giovanna Di Matteo, la storica dell’arte che per diversi anni ha curato la ricostruzione filologica del corteo della Perdonanza e che da sempre cura gli abiti della manifestazione.

«Sono più di 10 anni che mi occupo dell’organizzazione, più precisamente dal 2007» spiega.

«Manca qualcuno dei figuranti storici per motivi di salute. Ci dispiace molto anche se il costume relativo ci sarà. Stiamo cercando di sensibilizzare le persone e di renderli più consapevoli di quello che sono chiamati a fare.»

«I nostri abiti sono di ricostruzione: sono cuciti a macchina soltanto nelle parti interne e tutto il resto è fatto esclusivamente a mano.»

«Sono tutti tessuti naturali, c’è moltissima seta. Sul costume della dama della Croce abbiamo fatto una sperimentazione con il tombolo e abbiamo ottenuto degli effetti sulle bordure quasi come gli originali.»

Rievocazione storica e corteo, l’esperienza che fa scuola

«Abbiamo dei sarti di riferimento, un’equipe interna che stiamo trasformando in scuola, dopo l’esperienza dei 12 anni. Una scuola che sia a disposizione di tutti.» prosegue Di Matteo.

Verranno organizzati dei corsi affinché ogni gruppo sviluppi la sua sartoria ma con una logica che sia corretta. Noi riusciamo a fare assistenza ed è per questo che faremo dei corsi specifici per la creazione di queste sartorie.»