L'Aquila News IlCapoluogo - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Attualità e Sport

Terremoto, le casette mobili del 2009 andranno ad Amatrice

Furono acquistate da ANAS SpA per l’emergenza sismica del 2009. Le 8 casette andranno ad arricchire l'area di accoglienza esistente presso Sant’Angelo di Amatrice.

Le casette mobili di Anas SpA andranno ad Amatrice

Dal terremoto del 2009 a quello del 2016.

La solidarietà del 2009 sarà efficace anche ad Amatrice grazie alla associazione AIPS di Sant’Angelo – Amatrice.

«Oggi insieme al Presidente Mario Feliziani abbiamo firmato l’accordo con ANAS Compartimento per l’Abruzzo circa la concessione a titolo gratuito delle 8 casette mobili dislocate ad Onna.» rende noto Dario Verzulli di Autismo Abruzzo Onlus.

«Furono acquistate da ANAS SpA per l’emergenza sismica del 2009 e nel giugno del 2017 inviammo una formale richiesta di comodato gratuito con l’obiettivo di renderle disponibili nelle zone colpite dal sisma del 2016.»

«Le 8 casette andranno ad arricchire l’area di accoglienza esistente presso Sant’Angelo di Amatrice e saranno a disposizione della comunità locale per attività di accoglienza e di aggregazione sociale. Tutti i servizi offerti dall’associazione saranno fruibili dalle famiglie con autismo anche grazie alla collaborazione
di Autismo Lazio onlus.» prosegue Verzulli.

Oltre alla ricostruzione materiale dei paesi e dei borghi colpiti occorre avviare la “ricostruzione sociale”, quella che permetterà a chi vive oggi in queste aree di restare e a coloro che vi si recavano per le vacanze di continuare a vivere questi luoghi.

«Riteniamo questa azione solidale un ottimo esempio di ricostruzione sociale e di sinergia tra associazioni e istituzioni. Comune di Amatrice, AIPS, Autismo Abruzzo onlus, Autismo Lazio onlus e ANAS hanno dato dimostrazione di saper lavorare per perseguire un obiettivo comune.»

Al fine di illustrare le fasi delle operazioni di recupero, trasporto e installazione delle casette mobili nonché le modalità di utilizzo è indetta una conferenza stampa per il 24 agosto 2019 – ore 10:30 presso la sede A.I.P.S. nel villaggio SAE di Sant’Angelo di Amatrice.

«Lo sforzo organizzativo ed economico dell’associazione A.I.P.S. è sostenuto esclusivamente da contributi privati.
Ringraziamo tutte le persone che si sono prodigate per questa nostra azione. Senza la necessaria attenzione e la giusta comunicazione non sarebbe stato possibile superare la burocrazia. Un ringraziamento particolare va alla Dott.ssa Antonella Barbati, all’architetto Simona Cicconi e alla Dott.ssa Annamaria Perrella (personale Anas SpA) che hanno supportato le nostre istanze.» conclude Verzulli.

«Per la predisposizione degli atti ringraziamo l’Ing. Roberto Mastrangelo, l’Ing. Marco Tripaldi, l’Ing. Matteo Castiglioni e l’Ing. capo Antonio Marasco (personale Anas SpA).»

 

foto di repertorio

X