Quantcast
Attualita'

Giochi, gli Abruzzesi alla ricerca della dea bendata

L'Abruzzo una delle quattro regioni italiane in cui, nel 2018, si è giocato di più rispetto all'anno precedente. Si gioca meno al Lotto ma si è vinto di più

Dal gioco del Lotto al Bingo, dall’Enalotto ai giochi online: non dimenticando awp e vlt, le “macchinette” stile slot machine con le quali si possono arrivare a vincere anche somme piuttosto alte.

Gli Abruzzesi cercano sempre di più la dea bendata nelle combinazioni e nei numeri messe a loro disposizione dai giochi. I dati arrivano dall’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli che ha presentato negli scorsi giorni l’annuale “Libro Blu”, il rapporto sullo stato dei giochi in Italia.

A livello nazionale si registra un calo della spesa (del 2%) degli italiani nei giochi: 19 i miliardi spesi nel 2018 dagli italiani per dare la caccia alla dea bendata.

Nonostante a fine aprile il settore degli apparecchi da intrattenimento abbia visto il taglio del 35% delle macchine, il segmento ha fatto registrare il 62,6% delle entrate (circa 6 miliardi di euro). Il 25,1% della spesa è stato effettuato su Lotto, SuperEnalotto e Gratta & Vinci, mentre il restante 12,20% su scommesse sportive ed ippiche, bingo, poker e casinò online.

Sono Lombardia, Lazio e Campania le regioni che nel 2018 hanno speso più denaro nei giochi ma in calo rispetto al 2017. L’Abruzzo invece – insieme a Friuli, Puglia e Veneto – è una delle quattro regioni in controtendenza, ovvero dove si è speso di più nei giochi rispetto al 2017.

Tra le regioni che hanno investito di più nella fortuna, con una spesa che lo scorso anno è stata superiore al miliardo di euro, anche Emilia Romagna e Veneto (entrambe con 1,4 miliardi), Puglia (1,11 miliardi), Toscana (1,08 miliardi) e Piemonte (1,02 miliardi), seguite dalla Sicilia che sfiora il miliardo (986 milioni per l’esattezza).

Nello specifico, i dati delle quattro regioni in controtendenza: Abruzzo (+0,6%), Friuli Venezia Giulia (+0,6%), Puglia (+1,9%) e Veneto (+14,5%).

Gli abruzzesi nel 2018 sono quindi tornati a scommettere sui giochi: fra i preferiti, il Bingo

Dagli 11 milioni del 2016 si è passati ai 12 del 2017, dato costante anche nel 2018. Calo, invece, del Lotto : dagli 86 milioni di euro spesi in Abruzzo nel 2016 si è passati ai  70 degli ultimi due anni a fronte, però, di un aumento delle vincite. Se nel 2016 erano stati vinti in Abruzzo 157milioni e nel 2017 il dato è stato pressochè uguale, l’anno scorso si sono vinti 174 milioni.

In Abruzzo, ad ogni modo, rimane sempre alta l’attenzione nei confronti di comportamenti a rischio come il gioco d’azzardo e l’internet addiction. Poche settimane fa è stato rinnovato il protocollo d’intesa per la promozione della salute e dei corretti stili di vita nelle scuole, stabilito dal Piano regionale di prevenzione, firmato dall’assessore alla Sanità, Nicoletta Verì, e Antinella Tozza, direttore dell’Ufficio scolastico regionale. E sul finire del 2018, oltre 10mila abruzzesi hanno ricevuto un questionario sul gioco d’azzardo. Obiettivo: portare a termine un’indagine sulla ludopatia in regione, alla luce di un accordo tra l’Istituto di fisiologia clinica del Consiglio Nazionale delle Ricerche (il Cnr) e la Regione volto a rilevare l’incidenza della ludopatia sul territorio regionale.

leggi anche
SuperEnalotto, vincita di 65mila euro
Dea bendata
Paganica, 55mila euro vinti al Superenalotto
skillpower convegno
L'aquila
Skillpower, la cultura del gioco contro la ludopatia
slot
Ludopatia
Gioco d’azzardo, mappa dei malati di scommesse abruzzesi