Quantcast

Contact Center Inps, buone notizie per gli aquilani: garanzie sui 560 posti

Contact Center, da Roma arrivano rassicurazioni per i dipendenti aquilani. Dal 2 settembre si lavorerà per sottoscrivere l'accordo sulla clausola sociale

L’AQUILA – Contact center, l’accordo è più vicino.

Dal 2 settembre si lavorerà per sottoscrivere l’accordo sulla clausola sociale, che tuteli il personale.

Si è aperto ufficialmente il primo confronto tra sindacati e Comdata, la società che si è aggiudicata l’appalto della commessa Inps, in cui sono impiegati anche i 560 operatori del contact center aquilano Lavorabile.

A Roma, nella sede centrale dell’Inps – come riporta Il Centro – si è tenuto il primo incontro tra ente, organizzazioni sindacali nazionali e territoriali, con la Comdata, in rappresentanza della Rti che ha costituito insieme a Network Contact. La trattativa, che riguarda nello specifico tutti i lavoratori dei siti italiani, partirà dopo l’estate ed entro il primo dicembre avverrà il passaggio di consegne. Nel mentre sarà da definire l’applicazione della clausola sociale.

Tra le richieste dei sindacati, sottolineate anche nel tavolo di ieri a Roma, la garanzia del perimetro occupazionale, le condizioni economiche e normative (inquadramento, orari, mansioni, scatti di anzianità, rispetto dell’articolo 18) e la territorialità, ovvero la prossimità delle nuove sedi da quelle attuali, infine un contratto nazionale che va applicato anche in caso di subappalto.

Sarà la Rti a farsi carico dell’intero perimetro e dei siti operativi, predisponendo sedi adeguate. I lavoratori saranno assunti con contratti ex novo, pur mantenendo le condizioni normative ed economiche precedenti. Sarà riconosciuta la professionalità acquisita e, quindi, l’anzianità.

Per ciò che concerne il subappalto la Rti valuterà quando mantenere il rapporto di subappalto e quando mantenere la specifica attività.