L'Aquila News IlCapoluogo - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Attualità e Sport

Sport

Campo Pericoli, l’anfiteatro del Gran Sasso foto

L'anello di Campo Pericoli abbandona le vie più affollate per perdersi tra le silenziose doline della conca, tra le fioriture, i camosci, i vecchi stazzi pastorali, i nevai residui. Davanti agli occhi le cime più belle del Gran Sasso

Gran Sasso – Campo Pericoli.  “Sui sentieri del cuore” vi porta alla scoperta di un anello, tra i più interessanti a quota duemila, insieme all’accompagnatore di montagna Carlo Grilli di Abruzzo Wild.

Un anfiteatro, un attento padrone di casa, un meraviglioso branco di camosci, una vipera orsini, il giallo predominante dell’isatis allionii che spicca sul grigio della ghiaia e un cielo turchese senza eguali. Questi sono gli ingredienti di un’escursione appagante. Campo Pericoli si mostra così in una splendida giornata di metà luglio.

gran sasso
gran sasso

Una passeggiata adatta a tutti, anche ai piccoli escursionisti volenterosi. Partenza da Campo Imperatore, direzione Passo del Lupo, sentiero che taglia il Monte Portella, rifugio Garibaldi, Monte Aquila ed Estiva per tornare al punto di partenza.

gran sasso

Otto chilometri tra valli e orizzonti tutti diversi in questa conca di origine glaciale. Visibile la corona di vette che rendono il panorama seducente e irresistibile insieme ai paesi e alla città. Ecco il Terminillo con qualche lingua di neve, ancora più in lontananza si scorge un timido Velino, l’altopiano delle Rocche, il Sirente che appare maestoso e la Maiella.

gran sasso

Di fronte il Corno Grande, fedele compagno di questa escursione, il suo vicino Pizzo Intermesoli e uno splendido Pizzo Cefalone. Irrefrenabile il desiderio di raggiugere la sua vetta.

gran sasso

Doline, vallette verdi, ghiaioni che portano dritti al rifugio Giuseppe Garibaldi, siamo a 2231 metri di altitudine. Il valore storico è eccezionale: è il primo rifugio costruito nel gruppo montuoso nel 1886. Da qui è possibile arrivare in vetta al Corno Grande in circa due ore e mezza.

gran sasso

Ma questa volta il percorso è un altro.

Superato il rifugio si prosegue per chiudere il cerchio: e allora ecco che si attraversa e si conclude l’anello intraprendendo la Estiva che riporta al piazzale di Campo Imperatore.

In montagna in sicurezza

Perché scegliere un professionista? Per la tua sicurezza!

“Il compito dell’accompagnatore è quello di ridurre, per quanto possibile, il rischio e coinvolgere il cliente nella decisione di assumere rischi adeguati all’ambiente circostante e alle condizioni climatiche. Acquisire la qualifica di accompagnatore di montagna iscritto al registro delle guide alpine garantisce un’elevata preparazione in tutte quelle materie inerenti la capacità di prendere decisioni in contesti difficili. Lo standard dei corsi organizzati di 600 ore circa garantiscono ai futuri clienti l’assoluta professionalità e preparazione. Per andare in montagna e per la vostra sicurezza, si raccomanda sempre, di affidarsi a figure professionali riconosciute nel mondo, non ad esperti di montagna o guide improvvisate…ne va della vostra sicurezza”.

“Sui sentieri del cuore”: Gran Sasso, cronaca da un mondo sospeso — Aterno e Rocche, nasce la TAV d’Abruzzo (a cura di Francesca Marchi)

X