IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio, Pierluigi Biondi, Luigi D'Eramo

Elezioni Rocca di Mezzo, tre candidati sindaco a confronto

Rocca di Mezzo, manca poco al voto per le comunali. Il Capoluogo.it ha incontrato i tre candidati sindaci: Mauro Di Cicco, Emilio Nusca e Carlo Capri.

Il Capoluogo.it, in trasferta per Pausa Caffè a Rocca di Mezzo, incontra i tre candidati sindaci alle comunali del 26 maggio.

Mauro Di Cicco, Emilio Nusca e Carlo Capri. Sono i tre candidati che si contendono la fascia di sindaco alle prossime amminitrative a Rocca di Mezzo, che torna al voto dopo due anni di commissariamento.

Il direttore Roberta Galeotti ha incontrato i tre candidati per la speciale Pausa Caffè “in trasferta” al Giosscaffè di Rocca Di Mezzo, per un confronto a distanza tra i tre candidati sindaci.

Mauro Di Cicco, già sindaco di Rocca di Mezzo dal 2012 al 2017, si ricandida: “Nelle successive elezioni proprio del 2017 sono risultato vincente, ma c’è stato un ricorso al Tar, finito poi al Consiglio di Stato, che a sua volta ha stabilito che dovevano essere indette nuove elezioni. Il giudizio popolare comunque era stato molto chiaro: avevo preso 10 voti in più dell’altro candidato, come risulta anche dal conteggio della Prefettura.

Con precedente esperienza di sindaco anche Emilio Nusca, che sul futuro di Rocca di Mezzo dichiara: “Ci sono alcuni punti su cui bisogna lavorare da subito, tra cui quello di rigenerare nei cittadini il senso di appartenenza; il senso di comunità, insieme a un’azione amministrativa seria, può far scaturire progetti che servono ai turisti, ma soprattutto ai cittadini residenti”.

Alla prima candidatura, invece, Carlo Capri, che punta a “un futuro più attrattivo dal punto di vista turistico; servono strutture ricettive e attrattive per quel salto di qualità che serve; basti pensare che a Rocca di Mezzo non c’è un campo sportivo, non c’è un campo da tennis, non c’è un parco giochi per i bambini, quello che c’era 30 anni fa c’è adesso”.

X