L'Aquila News IlCapoluogo - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Attualità e Sport

Valle Subequana, il viaggio infinito tra i cantieri della sr261 foto

L'Aquila - Valle Subequana: un viaggio infinito sulla Sr261 tra strisce gialle, reti da cantiere, semafori e deviazioni. Il fotoracconto

L’Aquila – Valle Subequana: un viaggio infinito sulla Sr261 tra strisce gialle, reti da cantiere, semafori e deviazioni.

Dirigersi da L’Aquila verso la Valle Subequana, in questi giorni, non è facile. Per una serie di lavori – alcuni programmati, altri legati a situazioni emergenziali – si susseguono per oltre 30 chilometri cantieri e deviazioni che mettono a dura prova la pazienza (e i freni) delle vetture che percorrono la SS261.

cantieri sr261 subequana

Nel tragitto da L’Aquila, le prime strisce gialle che delimitano l’area di cantiere si incontrano poco dopo il lago Sinizzo, nel territorio di San Demetrio.

In fase di esecuzione i lavori per l’allargamento della sede stradale e per una rotatoria nei pressi del bivio per le grotte di Stiffe per un totale di 2milioni di euro. Lavori che garantiranno, una volta ultimati, una maggiore sicurezza e anche un vantaggio da un punto di vista turistico: sbancamenti e restringimenti di carreggiata sono però in corso da inizio anno con deviazioni sul posto a volte anche segnalate male o all’ultimo.
In tanti, qualche settimana fa, si sono trovati a vagare per le campagne che circondano Fagnano e Villa Sant’Angelo a causa di una interruzione della strada con deviazioni non segnalate sul posto.

Al momento, ad ogni modo, la situazione è questa: niente semaforo, sede stradale ridotta in alcune parti a una corsia e mezzo e molti mezzi da cantiere al lavoro.

cantieri sr261 subequana
cantieri sr261 subequana
cantieri sr261 subequana
cantieri sr261 subequana

Proseguiamo e fra Santa Maria del Ponte (Tione) e Fontecchio c’è un altro stop: un semaforo consente il traffico alternato per un tratto di meno di cinquanta metri.

Motivo: l’asfalto è crollato l’8 maggio scorso, lasciando una voragine sulla strada. Ci sono reti e triangoli a protezione del tratto di strada crollato. Il senso unico alternato è stato ritenuto l’unico modo per garantire la sicurezza degli automobilisti e mantenere allo stesso tempo la strada aperta, non essendoci un valido percorso alternativo. La Provincia è stata interessata della problematica e si sta attivando per riparare la voragine.

cantieri sr261 subequana

Da ultima, la chiusura nei pressi del ponte di Beffi per l’ultimazione di lavori che si erano resi necessari addirittura dal 2009, anno del terremoto: gli interventi che si stanno realizzando, oltre al consolidamento di tutta la muratura, hanno portato anche alla realizzazione di nuovi guardrail, di un nuovo impianto illuminante e ora di nuovo manto stradale.

È la deviazione che più allunga il viaggio di chi vuole raggiungere il capoluogo o le località della Valle Subequana. Il chilometraggio è più o meno lo stesso (23 chilometri da San Lorenzo di Beffi a Molina, dove si riprende la SS261, contro i circa 20 del percorso tradizionale) ma la durata si allunga di un buon quarto d’ora visto che si alternano tornanti e ripide discese.

cantieri sr261 subequana
cantieri sr261 subequana
cantieri sr261 subequana
cantieri sr261 subequana

Panoramico, certo: diversi i punti dai quali si può godere di una vista straordinaria, con Secinaro e Tione a fare da sfondo come paesi di un villaggio incantato.
Ma per i tanti pendolari o studenti che quotidianamente fanno questo percorso, il panorama è una magra consolazione.

sr261
sr261

La chiusura, in corso dal 14 maggio, durerà fino al 10 giugno.

“Non ci sono più le condizioni per mantenere la strada aperta e soprattutto dobbiamo ultimare il manto stradale sopra l’arcata del ponte” aveva riferito il sindaco di Acciano Fabio Camilli.

X