L'Aquila News IlCapoluogo - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Attualità e Sport

L’Aquila, il traforo del Gran Sasso chiude: 30 giorni per evitare l’isolamento

"Qualcuno deve chiarire se possiamo andare avanti o no". Strada dei Parchi conferma la chiusura del traforo. Trenta giorni per evitare l'isolamento.

Strada dei Parchi conferma la chiusura del traforo del Gran Sasso prevista per il 19 maggio, resta da sciogliere il nodo sulle responsabilità dell’inquinamento delle falde acquifere.

Prosegue il braccio di ferro tra Strada dei Parchi e gli enti coinvolti nella chiusura del traforo del Gran Sasso, prevista per il prossimo 19 maggio. Trenta giorni per la deadline, prima della quale si dovrà necessariamente trovare il mondo di sbloccare la situazione di stallo che si è venuta a creare a seguito delle contestazioni per l’inquinamento delle falde acquifere mosse dalla Procura di Teramo a Strada dei Parchi e Infn.

Non è infatti bastato il primo round che riguardava la competenza della messa in sicurezza delle falde a risolvere la questione. Il Ministero delle Infrastrutture ha messo nero su bianco che non è di competenza di Strada dei Parchi, ma viste le contestazioni in corso alla società non basta. Se c’è una contestazione a carico della concessionaria per l’inquinamento delle falde acquifere, la stessa si “autotutela” evitando di “reiterare” il reato ipotizzato, chiudendo il traforo. Come spiegato al Capoluogo.it dall’ufficio stampa di Strada dei Parchi, “il Ministero ha chiarito, come diceva la stessa società, che non è di nostra competenza la messa in sicurezza delle falde acquifere, ma qualcuno ci deve dire se possiamo andare avanti o no, visto che ci sono inchieste della magistratura”. Insomma, Strada dei Parchi vuole essere sicura che mantenendo aperto il traforo non rischi di “reiterare” le ipotesi di reato già contestate.

Nel frattempo, il sindaco dell’Aquila Pierluigi Biondi, ha chiesto alla Regione Abruzzo di attivarsi per chiedere il riconoscimento dello stato di emergenza, “affinché si proceda alla messa in sicurezza delle acque del Gran Sasso” e scongiurare “il rischio di chiusura del traforo del Gran Sasso. Un’eventualità, quest’ultima, che comprometterebbe la completa fruizione di una infrastruttura strategica per la città dell’Aquila e l’intero sistema delle aree interne che, altrimenti, dal 19 maggio rischiano di rimanere isolate con gravissime ripercussioni per il tessuto economico, sociale e, visto che siamo alle porte dell’estate, turistico”.

A mobilitarsi è anche il Presidente di Confindustria Abruzzo, Agostino Ballone: “Le problematiche inerenti gli sversamenti di sostanze pericolose sotto il traforo, oggetto di interesse della Procura di Teramo, ed i relativi costi per i lavori di rifacimento delle condotte di captazione e per l’impermeabilizzazione, necessari a mettere giustamente in sicurezza le falde acquifere, non possono e non devono trovare soluzione nell’interdizione traffico nelle gallerie del Gran Sasso di A24, in entrambe le direzioni di marcia. L’intera politica regionale, inoltre, in maniera unitaria, deve prendere posizione e agire in tempi rapidissimi, affinché si riesca a salvaguardare tutti gli interessi legittimi, e non si dia invece avvio all’attività dello scaricabarile che non farebbe altro che allungare colpevolmente i tempi per la ricerca delle soluzioni. Il Sistema Confindustriale abruzzese metterà in campo tutte le armi a sua disposizione volte a determinare una positiva evoluzione della vicenda e naturalmente è disponibile ad apportare il proprio contributo fattivo per raggiungere il traguardo di evitare in ogni modo la chiusura del Traforo del Gran Sasso”.

Ancora da verificare la posizione dei vertici regionali. Al momento non è possibile raggiungere telefonicamente il Presidente Marco Marsilio, fuori per qualche giorno, mentre il sottosegretario con delega a Trasporti pubblici e Mobilità, Umberto D’Annuntiis, ha assicurato che la settimana prossima, alla riapertura degli uffici, la richiesta del sindaco verrà valutata dalla Giunta regionale per le azioni conseguenti a scongiurare la chiusura.

Intanto “l’ultimatum” di Strada dei Parchi scadrà tra 30 giorni.

X