IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio, Pierluigi Biondi, Luigi D'Eramo

L’ombra della camorra sui lavori alla stazione di Avezzano

Avezzano, la maxi inchiesta della Procura distrettuale antimafia di Napoli tocca anche i lavori di riqualificazione della stazione di Avezzano.

Maxi inchiesta della Procura distrettuale antimafia di Napoli in diverse città italiane, una decina di indagati anche ad Avezzano per i lavori alla stazione, che però non sono ancora iniziati.

Corruzione e turbativa d’asta aggravate da finalità mafiose, queste le ipotesi di reato sulle quali sta indagando la Procura distrettuale antimafia di Napoli a seguito di una maxi inchiesta che coinvolge anche Avezzano. Il reato associativo sarebbe contestato solo a due imprenditori. Come spiega Il Messaggero, «i pm della Procura di Napoli ipotizzano che due imprenditori avrebbero comprato funzionari e dirigenti delle Ferrovie, offrendo benefit e soggiorni in alberghi della Costiera, ma non solo. Tra le persone perquisite figurano l’imprenditore Nicola Schiavone, Massimo Iorani, responsabile della direzione acquisti di Rfi, Paolo Grassi, dirigente di produzione, e Giuseppe Russo, dirigente del dipartimento trasporti di Napoli».

Comunque, alla stazione di Avezzano i lavori non sono ancora iniziati, anche se l’inter per avviare la riqualificazione procede, con il progetto definitivo già consegnato agli enti competenti.

X