IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio, Pierluigi Biondi, Luigi D'Eramo

Albano e Palumbo, consiglio comunale straordinario sul futuro del centro storico

PD, consiglio comunale straordinario sul futuro del centro storico. Gli argomenti: da una gestione meno schizofrenica della viabilità in base ai lavori legati alla ricostruzione e in particolare ai sottoservizi al piano per il decoro urbano.

Albano e Palumbo, consiglio comunale straordinario sul futuro del centro storico.

“Un consiglio comunale straordinario dedicato alle problematiche e alle prospettive riguardanti il centro storico dell’Aquila”.

Lo annunciano Stefano Albano segretario del PD aquilano e consigliere comunale e Stefano Palumbo capogruppo del PD in consiglio comunale.

«Riteniamo la rivitalizzazione del centro storico un tema imprescindibile per una completa ed equilibrata ripresa socio-economica della città, tema a cui intendiamo dare la necessaria rilevanza e centralità con un’apposita seduta di consiglio comunale tramite la quale giungere al voto di un documento che possa vincolare l’amministrazione rispetto ad alcune scelte non più rinviabili.
Una seduta aperta, quella che proponiamo e abbiamo depositato, alla discussione e al contributo di tutte le realtà associative e sindacali che rappresentano chi ha fatto del centro storico la sede della propria vita o del proprio posto di lavoro.»

«Quella dei commercianti, in particolare, rappresenta ormai una vera e propria emergenza; molti di loro, se non vedranno contrapporre ai numerosissimi disagi che vivono quotidianamente una prospettiva reale, un progetto concreto sul centro storico basato su una seria pianificazione di interventi, rischiano di dover chiudere presto la propria attività, nonostante gli sforzi e gli investimenti, pubblici e privati fatti in questi anni.»

«È proprio dal confronto con alcuni di loro che abbiamo cominciato la costruzione di una proposta che intendiamo arricchire nei prossimi giorni e tradurre in un piano organico di interventi su tre linee: proposte che possono essere realizzate nell’immediato e tese soprattutto a tamponare i disagi quotidiani, azioni da realizzare nel medio periodo ed interventi di respiro più lungo da realizzare secondo una visione strategica sul ruolo del centro storico nell’ambito della città del domani.»

«Da una gestione meno schizofrenica della viabilità in base ai lavori legati alla ricostruzione e in particolare ai sottoservizi, dunque, alla possibilità di prevedere un parcheggio temporaneo per i lavoratori del centro fuori dal suo perimetro con navette per il trasporto fino al posto di lavoro, la pianificazione degli orari di accesso dei mezzi pesanti o la predisposizione di parcheggi con disco orario per i consumatori, fino a questioni più strutturali come la realizzazione di parcheggi pubblici, il ritorno in centro di alcuni uffici pubblici passando per l’accoglienza turistica, un piano per il decoro urbano, uno specifico per i dehors, per arrivare ad una pianificazione periodica di eventi culturali e turistici attrattivi.
Auspichiamo che questa seduta straordinaria di consiglio comunale possa essere dunque il palcoscenico di una discussione seria e profonda che, attraverso il contributo di altre forze politiche, di maggioranza e di opposizione, arrivi alla costruzione di una proposta condivisa ed unitaria»

X