IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Attualità e Sport

Autismo, nella Giornata Mondiale per la consapevolezza Tommy e gli altri va in Senato

Un anno fa "Tommy e gli altri" fu proiettato presso il Movieplex dell’Aquila. Oggi, 2 Aprile 2019, Giornata mondiale per la consapevolezza sull'autismo 2019, il film torna in Senato. L'intervista del direttore de Il Capoluogo all'autore Gianluca Nicoletti.

Autismo, nella Giornata Mondiale per la consapevolezza Tommy e gli altri va in Senato.

Oggi, 2  Aprile 2019, Giornata mondiale per la consapevolezza sull’autismo 2019, il film torna in Senato, luogo in cui fu per la prima volta presentato alla stampa al suo esordio.

Sarà un’occasione in più per stimolare le istituzioni a prendere coscienza del lato più indicibile dell’autismo, quello che riguarda gli adulti destinati a diventare “fantasmi” per la società.

L’appuntamento è fissato in data odierna alle 15.30 alla Sala Zuccari di Palazzo Giustiniani presso il Senato della Repubblica. 

La proiezione sarà preceduta da un messaggio della Presidente del Senato della Repubblica Maria Elisabetta Alberti Casellati.

Autismo, un anno fa ‘Tommy e gli altri’ a L’Aquila

Un anno fa “Tommy e gli altri” fu proiettato presso il Movieplex dell’Aquila in via Leonardo Da Vinci.

Il primo docu-film italiano sull’autismo, “Tommy e gli altri”, ideato e scritto da Gianluca Nicoletti e diretto da Massimiliano Sbrolla, venne proiettato in maniera gratuita a L’Aquila per la Giornata Mondiale della consapevolezza sull’Autismo.

Per la prima volta sul grande schermo un documentario unico e reale con le speranze, le paure e le difficoltà delle famiglie italiane che hanno a che fare tutti i giorni con l’autismo.

Un anno fa, il direttore de Il Capoluogo, Roberta Galeotti, intervistava Gianluca e Tommy Nicoletti sul percorso di vita in comune, dalla diagnosi di sindrome di Asperger allo spartiacque tra due modalità di approccio dell’esistenza: una vissuta rincorrendo l’adattamento sociale, l’altra liberata dalla consapevolezza di avere un “cervello ribelle”.

«Nasce un autistico ogni 100 persone – rifletteva Nicoletti -. Il segno della nostra evoluzione sono i cervelli che cambiano. Cosa si fa, nascondiamo i cervelli diversi? Li mettiamo da parte per far stare tranquilli quelli che hanno i cervelli uguali? I cervelli diversi sono quelli che cambiano il mondo.»

Attraverso questo nuovo punto di osservazione della sua vita e della nostra società, si può giungere a prospettare un futuro inimmaginabile ma molto più vicino di quanto non sembri.

X