L'Aquila News IlCapoluogo - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Attualità e Sport

Parco Nazionale d’Abruzzo, l’incanto della volpe Treorecchie: nuova superstar

Spopola sul web il video della volpe Treorecchie, chiamata così per un taglio sull'orecchio sinistro. Ad immortalarla, tra la neve, Pietro Santucci.

Una volpe superstar e non solo per le “quasi” tre orecchie.

Gira per il Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise ed è stata immortalata tra la neve, da Pietro Santucci, accompagnatore di media montagna, esperto di trekking e fotografo.

Un video, quello che ritrae la volpe in una magica cornice bianca, diventato subito virale. Ripreso da La Repubblica solo qualche giorno fa.

«La volpe è un esemplare maschio di circa 7 anni (Vulpes vulpes), molto socievole, tant’è che si mette addirittura in posa quando si accorge di essere ripresa da una macchina fotografica», spiega alla Redazione del Capoluogo Pietro Santucci, originario di Civitella Alfedena. Le riprese dell’animale, ormai star del web, sono state realizzate il 2 marzo, verso le ore 9 del mattino.

«Il mio primo incontro con Treorecchie – così ho chiamato la volpe per il taglio longitudinale sull’orecchio sinistro – è avvenuto circa 5 anni fa, quando, insieme ad altri due miei colleghi, gestivo un rifugio alle pendici del Monte Meta. Spesso Treorecchie si aggirava nei pressi del rifugio, in cerca di cibo», racconta ancora l’accompagnatore di media montagna. «Noi non ci siamo mai fatti vincere dalla tentazione di offrirle del cibo, ma lei era tenace e non si stancava mai di venirci a trovare».

«Da quello stesso momento si trasferì nell’area boschiva vicina al sentiero che conduce al rifugio, costruendo lì la sua tana e, da allora fino ad oggi, va incontro agli escursionisti, alla perenne ricerca di cibo. Offrire, però, cibo all’animale, è bene precisarlo, reca gravi danni alla sua salute, abituandolo al cibo facile e accentuando la perdita dell’istinto della caccia, indispensabile alla naturale sopravvivenza di qualsiasi animale. Il mio appello, quindi, è il seguente: “Non offrite cibo agli animali selvatici e non offrite cibo a Treorecchie”», conclude Pietro Santucci.

Il video della volpe.

Nel video la volpe si guarda intorno, scava tra la neve, corre e poi si ferma. Sguardo dolce e orecchie dritte. Spicca l’orecchio sinistro, con il taglio caratteristico che ha dato origine al nome di Treorecchie.

X