IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Attualità e Sport

L’Aquila, l’ex Questore Vittorio Rizzi nominato Vice Capo della Polizia

Vittorio Rizzi, già Questore dell'Aquila, è il nuovo vice capo della Polizia e direttore della Criminalpol. La nomina ieri al termine del Consiglio dei Ministri

L’Aquila – Vittorio Rizzi, già Questore dell’Aquila è il nuovo vice capo della Polizia e direttore della Criminalpol.

La nomina è arrivata al termine del Consiglio dei Ministri di ieri nel corso del quale sono stati decisi una serie di movimenti di prefetti e questori.

Al posto di Rizzi alla Direzione centrale anticrimine (Dac) arriva l’attuale questore di Torino Francesco Messina che lascia il posto a Giuseppe De Matteis, attuale dirigente del commissariato di polizia alla Camera dove arriva Sandro Menichelli.

Vittorio Rizzi è stato Questore dell’Aquila nel dopo sisma.

Nominato nel 2013, lasciò il capoluogo due anni dopo per ricoprire l’incarico di dirigente dell’ispettorato di pubblica sicurezza della presidenza del Consiglio.
Dal 1986 in Polizia, una carriera eccezionale quella di Vittorio Rizzi: ha seguito alcune delle indagini più importanti della cronaca italiana, partecipando a gruppi investigativi per la cattura di latitanti e per le indagini sul periodo stragista 1992/1995 che ha visto gli omicidi dei giudici Giovanni Falcone e Paolo Borsellino e le loro scorte, e gli attentati di Via Palestro a Roma e di Via Georgofili a Firenze.

Quando nel 2015 lasciò L’Aquila, ritenne la sua esperienza nel capoluogo “una tappa importante per la carriera di un poliziotto perché questa città ha ferite importanti che hanno riflessi nell’attività investigativa, su tutte la ricostruzione sulla quale bisogna vigilare soprattutto contrastando le infiltrazioni legate al futuro afflusso di denaro”.

“Nel momento in cui è stata ricostruita la Questura ritengo di aver compiuto il compito principale. Non è solo un luogo fisico, ma anche una cattedrale dove abbiamo costruito i nostri rapporti e anche dato un contributo alla ricostruzione sociale della città. C’è ancora tanto da fare ma questo percorso non lo conduce un singolo questore ma tutta la squadra. L’Aquila ha gli anticorpi per difendersi”.

X