IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio, Pierluigi Biondi, Luigi D'Eramo

I moti del 1971, la Rivoluzzio’ pe’ ju Capoluogo a L’Aquila

Gianfranco Picella rievoca i tre giorni di battaglie, iniziati il 26 febbraio, in cui la città fu messa a ferro e fuoco dagli stessi aquilani. Lo fa nel registro comunicativo a lui più consono: il dialetto.

“Ju 26 Febbraio de ju 1971 a L’Aquila scoppiò ‘na piccola rivoluzione francese pe’ mutii riguardanti la pusizio’ de ju capoluogu”.

 
Inizia così la testimonianza di Gianfranco Picella, all’epoca giovanissimo testimone d’eccezione dei moti per L’Aquila capoluogo.

Picella rievoca i tre giorni di battaglie, iniziati proprio il 26 febbraio, riportati alla memoria qualche giorno fa da Il Capoluogo, in cui la città fu messa a ferro e fuoco dagli stessi aquilani, con sedi di partito date alle fiamme (dal Pci alla Dc), abitazioni di uomini politici messe a soqquadro, porte dei negozi date alle fiamme, pompe di benzina rovesciate, scontri con migliaia di uomini delle forze dell’ordine, feriti, arresti.

Il ricordo è nitido nelle parole di Picella, oggi 64enne:

“Sci propriu cuscì perché diversi pulitici aveano penzatu ‘bene’ de porta’ ju capoluogu a Pescara. Ji allora sedicenne so’ vissutu de prima perso’ tutta la rivorta che appuntu ji abitanti de L’Aquila co la rabbia n’corpo misero su. Tenete sape’ che appena se sparse la voce de quello che teneano n’tenzio’ de fa’ scoppiò ju finimondu pe tuttu ju centru dell’Aquila: barricate nturnu a la mura e le antiche porte, a ji quattro cantu’ misero foco a nu mucchiu de coperto’ de macchine do se sollevea nu fumu cuscì densu che annirì tutti ji portici, po ncumincettero a sfascia’ tutte le sedi deji partiti, do a quarcuna ji misero pure foco”.

i moti nel racconto di Gianfranco Picella
i moti nel racconto di Gianfranco Picella

«Ricordo molto bene l’inizio della rivolta – riporta a Il Capoluogo Gianfranco Picella, alternando al suo racconto in dialetto aquilano una narrazione in lingua -: io abitavo lungo il corso e ricordo bene quando scoppiò la scintilla.»

Il 27 Febbraio 1971: l’arrivo della Celere

 
“Ju jiorno appressu mannettero da Roma squadrijie de celerini pe’ pote’ ferma’ quella rivorta, ma la situazzio’ peggiorò ancora di chiù perché alla vista de quiji pulizziotti, la gente ‘ncominciò a organizzarsi facenno vere e proprie squadrijie da pote’ opporre resistenza e mazzola’ji celerini. Piazza Duomo diventò jiu centru nel vero sensu della parola de la guerriglia; incuminciarono a tira’ ji sanpietrini addossu ale camionette blindate…”

«Ero lì, all’angolo del Palazzo della Prefettura. Ricordo che in quei giorni stavano eseguendo dei lavori di ripavimentazione davanti alla Prefettura. Come arrivò la Celere da Roma cercammo di non farci prendere. I celerini erano temibili, tiravano manganellate. I manifestanti iniziarono a tirare pietre alle camionette e al Palazzo della Prefettura.»
 

Piazza Duomo come Forte Apache

 
“Era da non cree aji propri occhi ormai la situazzio’ era degenerata, ci scappettero parecchi firiti da tutte e du le parti. Piazza Duomo era diventata come l’assalto de Forte Apache. Intantu s’era fattu sera e la gente stea ancora più n’c…  cuscì attraversò la piazza pe’ dirigesse verso ju negoziu d’abbigliamentu de ‘Monti’ perché era de Pescara, cuscì ‘ncumincettero a sfascia’tutte le vitrine e a jietta’ pe strai tutti ji vistiti. Ormai regnea ju caos chiù totale. A capu piazza ci stea nu cabbiozzo de carabbigneri e nu distributore de binzina, sfascettero pure quiji e po’ ji misero foco. Ma all’impruvvisu cuarcunu cominciò a strilla’ che entro ju cabbiozzo deji carabbigneri ci stea na bombola dello gas, te po’ immaggina’ ju fuggi fuggi de la gente che stea loco n’turnu. Ormai la rivorta s’era sparsa pe’ tutta la città. Tutti ji viculi dell’Aquila erano pieni de celerini tutti vistiti in tenuta antisommossa, dovunque passeano ci scoppiea la rissa”.

 

Il ricordo della rivolta e la malinconia

 
“Quella notte pe’ L’Aquila se creò ‘na specie de coprifoco, penza nu pocu che sopre la torre de Piazza Palazzu ji pulizziotti mettettero certe cellule fotoelettriche, perché ci stea gente che s’era nascosta sopre ji titti de le case, cuscì quanno passeano ji celerini pe ji viculi ji tireano n’coccia ji pinchi sopre le capocce. Tante persone furono arrestate, ma pe fortuna dopu pe la giustizia quiji fatti non so mai successi. Solu che tuttu quiju casinu che se creò non cagnette gnente pe quandu reguarda la pusizzzio’ de L’Aquila capoluogu de reggio’ perché figuremo solu sopre a ju statutu. Mentre pe’ lo resto ji nostri pulitici comunque se so’ fati freca’ diversi uffici importanti perché portati a Pescara. Quinni spogliata e ridimensionata meschinamente“.

“La rivorta remane solamente storia e ‘na malincunia pe’ quiji anni ormai scappati coju tempu e la gioventù, Comunque penzemo aju futuru co la speranza che quiji casini che so successi allora non succedono chiù”.

«Speriamo di non venir più depredati di altri uffici importanti e speriamo che questa ricostruzione finisca presto» conclude Picella.

X