IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio, Pierluigi Biondi, Luigi D'Eramo

Teatro, Carlotta e il giovane Werther al MuSpAC

Alla vigilia della Festa della Donna va in scena “Carlotta e il giovane Werther” al Mu.Sp.A.C. dell'Aquila. Protagonisti Federica Di Cesare, Lorenzo Giovannetti e Massimo Sconci, per la regia di Manuel Capraro.

Carlotta e il giovane Werther al MuSpAC

Alla vigilia della Festa della Donna, un tuffo negli abissi del pensiero femminile per tirare giù le fragili architetture di una vita quieta solo in superficie.

Dopo il debutto a Napoli e le prossime date a Bologna, Roma, Milano e San Vito Chietino, il 7 Marzo alle 21:00 va in scena “Carlotta e il giovane Werther” al Mu.Sp.A.C. dell’Aquila (via Pasquale Ficara, piazza d’Arti).

Uno spettacolo liberamente ispirato a “I dolori del giovane Werther” di J.W. Goethe, prodotto e realizzato da Gli Artimanti, con testo e regia di Manuel Capraro, interpretato da Federica Di Cesare, Lorenzo Giovannetti e Massimo Sconci, con le scenografie di Mirco Di Virgilio, assistente alla regia Alessia Falvo.

L’evento gode del patrocinio del Comune di San Vito Chietino.

Carlotta è una donna che sembra avere tutto. Una bella famiglia composta da suo marito, suo padre e i suoi sei fratelli, affidati a lei dopo la morte della madre. Carlotta in tal senso sembra vivere una vita tranquilla, normale, dedita alla casa e al prendersi continuamente cura dei suoi familiari, venendo di conseguenza meno a se stessa e a quello che desidera veramente.
Ciò che la fa riflettere sulla sua condizione di donne casalinga e che determina l’avvio di un cambiamento è l’incontro con Werther. Egli è un giovane, pieno di vita e rappresenta un punto cardine per Carlotta. Al contrario Alberto, il marito, è un uomo rude e tradizionalista.

Carlotta e il giovane Werther è una messa a fuoco differenziata, un voluto decentramento che sposta l’asse di attenzione da Werther a Carlotta, attraverso un’analisi puntuale della sua vita, che assurge a simbolo di donna ombra, una delle tante ancora oggi vittime di una società che fatica a stare al passo con l’evoluzione dei ruoli.

Una vita in apparenza tranquilla quella di Carlotta, trincerata dietro una schiera di uomini: padre, marito, fratelli. Ma al caro prezzo di una libertà violata, senza impulsi da saziare, confini da valicare.

Alberto, il marito, è un uomo rude, banale, incurante e Carlotta ne prende coscienza quando incontra il giovane, affascinante Werther. La loro relazione, grazie alla profondità di un amore libero e giocoso quanto puro, che li lega vicendevolmente, determina la rottura delle convenzioni sociali. La vicenda racconta l’evoluzione di una donna, l’evasione dalla realtà e la sua dolorosa presa di coscienza.
Costo del biglietto: 8 euro
Info e prevendite: 340 5544632 / 349 6365670

X