IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio, Pierluigi Biondi, Luigi D'Eramo

Americo Di Benedetto, una politica differente è ancora possibile

A Pausa Caffè l'intervista ad Americo Di Benedetto, eletto in Consiglio regionale nella lista Legnini Presidente.

Americo Di Benedetto torna alla Pausa Caffè del Capoluogo.it dopo il successo alle elezioni regionali del 10 febbraio.

Intervista ad Americo Di Benedetto che alle ultime elezioni ha conquistato un seggio in Consiglio regionale con 4041 preferenze. Al microfono del direttore Roberta Galeotti, Di Benedetto ha espresso la soddisfazione per un risultato conseguito «senza una struttura di partito alle spalle, ma grazie ai voti liberi di persone che vedono in me una realtà politica differente. La bellezza di questo risultato sta nel fatto che dimostra che una politica differente ancora è possibile, svincolandosi da alcune incrostazioni; alla fine cambiare le persone conta poco, se non si cambia il metedo. E purtroppo oggi si tenta un rinnovamento con la sostituzione di persone, ma senza cambiare medoti e prospettive».

E sul “modello Abruzzo” di rilancio del centrosinistra, Americo Di Benedetto ha spiegato: «Il carisma di Legnini ha permesso di presentare proposta ampia, come non sempre si riesce a fare, e ciascuno ci si è ritrovato, rispetto alla persona e alle qualità del candidato presidente, che con la sua storia ha incentivato tanti a far parte di quell’ampia proposta. Il mio, è stato un percorso di continuità rispetto a quello che ho sempre fatto e coerente rispetto al mio percorso politico».

«Entro in Consiglio regionale con un bagaglio forte – ha sottolineato Di Benedetto – e farò quello che ho sempre fatto: sono una persona nata per costruire e non per distruggere, nata per portare un servizio e metterò la mia esperienza a disposizione per fare proposte e cercare di migliorare la qualità di vita degli abruzzesi, da un contesto differente rispetto a chi oggi si assume l’onere di governo».

L’intervista integrale.

X