IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio, Pierluigi Biondi, Luigi D'Eramo

Consulte giovanili, nasce il coordinamento regionale

È nato ieri a Palazzo Fibbioni, a L'Aquila, il coordinamento regionale delle consulte giovanili, struttura di raccordo di tutte le realtà giovanili presenti sul territorio abruzzese.

È nato ieri a Palazzo Fibbioni, a L’Aquila, il coordinamento regionale delle consulte giovanili, struttura di raccordo di tutte le realtà giovanili presenti sul territorio abruzzese.

 
«L’idea è quella di condividere un percorso fatto insieme – racconta in apertura Mario Schettino, coordinatore della consulta giovanile del comune dell’Aquila -, partire dalle realtà già attive sui territori, aiutare le più giovani a crescere, e iniziare a strutturare un modello di coordinamento a livello regionale, partendo da una legge già esistente ma mai applicata.»

Le consulte giovanili infatti sono riconosciute legalmente a livello locale, nei comuni, in alcuni dei quali hanno addirittura diritto di veto sulle proposte delle amministrazioni in materia di politiche giovanili, ma non a livello regionale.

«Questa legge, del 2001, è divenuta obsoleta e non risponde più alle esigenze operative dei giovani. Questa prevede un modello di tipo verticale e a nomina, modello che noi non condividiamo: vogliamo un organo che sia invece orizzontale ed inclusivo di tutte le consulte presenti sul territorio abruzzese. Chiederemo un appuntamento con il nuovo governatore – continua Schettino – porteremo la proposta di una nuova legge regionale, che preveda il riconoscimento di questo organismo e l’obbligatorietà per la regione del nostro parere su tutte le politiche giovanili a livello regionale, come d’altronde già accade per molte consulte a livello comunale.»

«La consulta giovanile – ci tiene ad aggiungere Patryk Kalinski, rappresentante della consulta di Scoppito, “è un percorso formativo alla vita civile, alla vita amministrativa dei territori.»

Aggiunge la Consulta di Tortoreto: «Dopo anni in cui le consulte comunali hanno lavorato sul territorio senza mai incontrarsi, finalmente hanno avviato un percorso di condivisione di intenti e ambizioni. Il compito che ci attende è appena cominciato, ci sono dettagli da definire insieme, nonostante ciò abbiamo trovato un’ottima sintonia che sarà fondamentale per raggiungere questo obiettivo comune.»

Lorenzo Gatta, presidente della consulta di Ortona: «Abbiamo richiesto questo incontro poiché crediamo fortemente nella collaborazione tra ragazzi, vogliamo convogliare gli sforzi di tutte le consulte in un unico grande progetto.»

«Quest’organo sarà un passo fondamentale per fare rete tra le Consulte presenti in Abruzzo e per incentivare la nascita di nuove Consulte sul territorio – conclude Martina Gigante, all’incontro per rappresentare Tornimparte -. È importante che i giovani acquisiscano un ruolo nella vita amministrativa regionale.»

Hanno partecipato all’incontro le consulte giovanili di Ortona, Vasto, L’Aquila, Tornimparte, Scoppito, Tortoreto, Pizzoli e Fossa.

X