IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio, Pierluigi Biondi, Luigi D'Eramo

Lavoratori ex Intecs, c’è accordo ma vertenza ancora aperta

C'è un accordo per la ricollocazione dei lavoratori licenziati da Intecs da reimpiegare nella Space Economy: ma è presto per cantare vittoria.

C’è un accordo per la ricollocazione dei lavoratori licenziati da Intecs ma è presto per cantare vittoria.

Quella di ieri è stata una giornata cruciale per il destino dei 68 ricercatori Intecs licenziati ormai da oltre un anno.

In Regione è stato firmato un accordo che vede protagonisti Thales Alenia Space e Forender 24 – newco del settore della space economy con sede nel Tecnopolo – che garantisce l’assunzione dei primi 30 ricercatori della Intecs: a patto che Thales, vinca il primo dei bandi previsti del settore aerospace ItalGovSat, su cui la regione Abruzzo ha investito 10 milioni di euro.

Poi, a mano a mano che partiranno le altre commesse, saranno riassorbiti anche altri dipendenti.

Sicuramente un passo avanti rispetto all’immobilismo che ha caratterizzato questi 14 mesi per i lavoratori ex Intecs, che sono in presidio con il loro camper davanti alla Regione Abruzzo da quando sono stati licenziati.

Ma mancano tempistiche e certezze e questo non fa loro dormire sogni tranquilli.

“Dalla riunione con Lolli (Assessore alle Attività produttive) non sono emersi significativi passi in avanti sulla vertenza tali da dare certezze agli ex Ricercatori in quanto non sono ad oggi disponibili né una pianificazione dei tempi di riassorbimento né il numero dei ricollocabili attraverso questa operazione” spiegano i lavoratori in una nota.

“L’assessore, su richiesta dei lavoratori si è impegnato a produrre una delibera di giunta, come suo ultimo atto, per dare continuità a quanto sinora imbastito. In assenza di certezze la vertenza dei lavoratori ex Intecs è da considerarsi assolutamente ancora aperta e quindi chiedono , sin da oggi, un incontro urgente con il prossimo Presidente della Regione Abruzzo”.

“Ricordiamo che, a più di un anno dal licenziamento, la situazione dei lavoratori è sempre più preoccupante poichè non hanno alcun sostegno di natura economica e il protrarsi dell’attesa di soluzioni industriali vedrà peggiorare ulteriormente le condizioni loro e delle loro famiglie”

Si tratta di 68 ricercatori ultraspecializzati, tutti oltre i 50 anni, con elevate professionalità nel campo delle telecomunicazioni e che vedono nella space economy uno sbocco fondamentale per tornare a lavorare.

Per la Space Economy la Regione ha investito 10 milioni di euro: il primo bando si è concluso a settembre e il Governo sta esaminando il gruppo di imprese – otto in tutto – che hanno partecipato al bando.

X