Quantcast

Viva, curare la bellezza per combattere il cancro

La cura della bellezza per sostenere psicologicamente ed emotivamente i tanti pazienti che ogni giorno combattono contro il cancro. A L'Aquila il progetto Viva

La cura della bellezza per sostenere psicologicamente ed emotivamente i tanti pazienti che ogni giorno combattono contro il cancro.

Arriva a L’Aquila Viva, progetto ideato da due dottoresse aquilane – l’oncologa Tina Sidoni e l’anestesista e medico estetico Maria Rosaria Autore – per il sostegno ai pazienti oncologici attraverso, anche, la cura della bellezza.

In America da 20 anni gli oncologi lavorano a stretto contatto con i medici estetici: da 10 accade nel nord Italia e sono sempre di più i progetti che mirano ad affiancare trattamenti estetici, di trucco, a quelli medici.

L’Aquila è una delle sedi abruzzesi del Centro di Senologia e offrirà, grazie a Viva, trattamenti gratuiti alle pazienti affette da cancro quali, ad esempio, la dermopigmentazione con ricostruzione del capezzolo e dell’areola; la dermopigmentazione delle sopracciglia; la prevenzione ed il trattamento della caduta dei capelli; il trattamento delle cicatrici e tutti quei trattamenti rivolti alla cura della pelle o del corpo, stremati dai cicli chemioterapici.

“Ricorrere alla medicina estetica in un momento tanto delicato – ha detto la dott.ssa Autore può rappresentare una soluzione per migliorare il benessere psicologico, frequentemente messo a dura prova dai cambiamenti fisici causati dalle cure farmacologiche. Sentirsi normali guardandosi allo specchio senza identificarsi con il cancro è già di per sé una terapia; è infatti dimostrato che l’ottimismo ed un atteggiamento positivo sono elementi importantissimi nell’affrontare la malattia.”

presentazione progetto viva sidoni autore

A L’Aquila vengono diagnosticati 250 casi all’anno di carcinoma mammario.

“La maggior parte delle volte, quando affrontiamo il discorso della chemioterapia, le pazienti si informano prima sulla caduta dei capelli e poi sugli altri effetti collaterali legati ai farmaci antitumorali. Il medico estetico diventa, pertanto, figura importante nell’accudimento del paziente oncologico ed è quello che intendiamo divulgare con Viva, allo scopo di restituire un minimo di sollievo a tanta sofferenza.”

aggiunge la dottoressa Sidoni.

Insieme a Viva, anche il parrucchiere aquilano Alessandro Conversi con lo spettacolo “Instachaos” che si terrà alle 18 di domenica 20 gennaio, al Ridotto del Teatro Comunale ed il cui ricavato andrà in a parte a sostegno del progetto. Nel corso dello spettacolo verrà dato, inoltre, ampio risalto al progetto che si finanzia attraverso la raccolta di fondi.

Collaborano al progetto i reparti di Oncologia Medica, Senologia e Radioterapia dell’ospedale San Salvatore dell’Aquila e dei presidi di Avezzano e Sulmona.