IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio, Pierluigi Biondi, Luigi D'Eramo

Marsilio, l’Alto Sangro sarà il volano dell’economia abruzzese

Seconda giornata nell'Alto Sangro per Marco Marsilio, candidato Presidente della Regione con il centrodestra abruzzese. Incontrati sindaci ed operatori turistici del territorio

Marco Marsilio nell’Alto Sangro, sarà il volano dell’economia abruzzese

«Ho trovato amministratori di diversi paesi dell’altro Sangro pronti a fare squadra per aumentare il benessere di questi territori. Ho trovato operatori turistici capaci di alimentare l’economia locale con spirito imprenditoriale, capacità e lungimiranza. L’Abruzzo che lavora, l’Abruzzo che produce e anche da queste parti». Nel corso della seconda giornata trascorsa attraverso i paesi dell’Alto Sangro, il candidato presidente alla Regione per il centrodestra, Marco Marsilio, ha incontrato gli amministratori dei Comuni di Alfedena, Rivisondoli e Roccaraso ascoltando dalle loro parole pregi e difetti del territorio.

«Ho avuto modo di scoprire realtà che devono essere conosciute ben oltre i confini regionali e nazionali – ha sottolineato Marco Marsilio – abbiamo dei tesori immensi che partono dalle bellezze naturali e trovano compimento nelle iniziative che amministratori e imprenditori mettono in atto al fine di migliorare l’attrattiva turistica. Dopo cinque anni di autoreferenzialità in Regione sono in tanti a chiedere capacità di ascolto sulle problematiche e sulle iniziative che possono coinvolgere e migliorare il comprensorio sciistico dell’Alto Sangro. Non sono paesi in concorrenza tra loro – ha aggiunto Marco Marsilio – anzi ho trovato una forte capacità a diventare complementari l’uno con l’altro. Penso al comune di Alfedena che si è specializzato nello sci da fondo e nel triathlon, come mi hanno raccontato gli amministratori Paolo Monacelli e Gabriella Melone, oppure al comune di Rivisondoli dove il sindaco Roberto Ciampagna ha saputo realizzare impianti sportivi dedicati al calcio e all’atletica, capaci di attirare turisti e appassionati non solo nei mesi invernali ma anche in quelli estivi. Roccaraso e Pizzalto hanno impianti sciistici da fare invidia a quelli delle Alpi. Dobbiamo solo creare sinergie tra la classe politica e gli attori del territorio per aumentare ulteriormente questa capacità attrattiva».

Richieste e suggerimenti sono arrivati anche dai maestri di sci che hanno apprezzato l’idea di una politica di sistema capace di valorizzare progetti che diventano volano per l’economia di tutti. Nel corso della giornata Marco Marsilio ha ascoltato Mauro Del Castello, titolare degli impianti dell’Aremogna e di Monte Pratello, e Dario Collecchi, titolare degli impianti di Pizzalto, che hanno messo in evidenza l’importanza occupazionale diretta e indotta che il bacino sciistico riesce a creare. Gli amministratori locali hanno, ancora una volta, puntato il dito sulle difficoltà nella fruizione dei servizi, a cominciare da ospedali e tribunali che si vogliono sopprimere causando difficoltà di non poco conto.

X