IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Attualità e Sport

Matrix Pulcherrima, Amatrice resiste in un canto

Matrix Pulcherrima è un canto dedicato ad Amatrice: scritto in dialetto e pubblicato in questi giorni di festa, nei quali è più forte la nostalgia

Si chiama Matrix Pulcherrima ed è il titolo di una struggente canzone dedicata ad Amatrice da due Amatriciani: Camillo Berardi e Concetta Persico

Un canto scritto in dialetto e pubblicato in questi giorni di festa, nei quali è più forte la nostalgia della bellezza e della vita di Amatrice.

“Amatrice risorgerà dalle sue ceneri come “un’araba fenice”. Sarà bella, vivibile, accogliente e, come è sempre stata: unica. Una città nuova, diversa, desiderata e desiderabile.”

dicono i due autori.

“Comunque della “vecchia” Amatrice, sempre resterà il ricordo e il rimpianto in coloro che l’hanno vissuta e amata; così come, impresso nella memoria, è il volto di tutte le persone care che in quella terribile notte ci hanno abbandonato restando per sempre a vivere nel paese dei nostri sogni perduti”.

È stato un Natale di resistenza, quello che è appena trascorso ad Amatrice.

Passata la prima ondata emotiva di solidarietà, il rischio è sempre quello di adagiarsi in un comodo fatalismo e attivare una sorta di memoria selettiva che rimuove le immagini più scomode.

Il Capoluogo vi aveva portato su Amatrice con le splendide immagini di Sergio Ciarrocca

 

Questo il testo di Matrix Pulcherrima, dedicata ad Amatrice

MATRIX PULCHERRIMA

Versi di Concetta PERSICO

Musica di Camillo BERARDI

1)Canzune mie

scritta solu pe’ ti’

pe’ ‘na bbella città

che oramai

‘nci sta cchiù.

Me so’ arrubbatu

storie e memorie

e mo’ luntane

ji’ le puorte nel côre.

Tanti bbei sugni

dôci recurdi

no’ li vojio scurda’

pecché ji’

t’amo assa’.

 

2)Lu côre mie

cchiù nun vôle armeni’

è remastu lassù

‘nsieme a ti’

vôle sta’.

Te ne’si’ ‘nnata

’na notte scura

lu terremotu

ha scuratu la luna.

‘Nu munnu vivu

‘entr’a lu côre

nun se po’ cchiù scurda’

’nsieme a ti’

vojio sta’.

3) Paese mie

vojio solu mori’

addurmita accuscì

coma ti’

vojio sta’.

Ji’ so’ sugnatu

pe’ tante notti

ombre de sole

e co’ l’anema ‘n côre.

Ne’ miei pensire

solu l’amore

nun te pozzo svejia’

ma co’ ti’

vojio sta’.

4) Amore mie

nun te pozzo scurda’

‘nu paese accuscì

coma ti’

nun ce sta’.

Si’ statu ‘n sugnu

troppu filice

a’ ta’ armenire

si’ ‘n’araba fenice.

Macerie e sassi

mort’ e dolore

si’ ‘na smania d’amor

senza ‘e ti’

pena il côr.

5) Paese mie

ji’ te vojio sugna’

coma fussi realtà

pe’ pote’

returna’.

Revedo simpre

co’ tantu amore

lu tempu annatu

me reccrocca lu côre.

Tantu spendore

tantu dolore

ji’ mo’ vojio turna’

solu a ti’

saccio ama’.

6) O sugnu mie

ariviemm’a rtruva’

tuttu bbejiu sarà

senza ‘e ti’

‘nse po’ sta’.

Quanno arenasci

pîna de luci

tu me rappicci

‘na sperella nel côre.

Si’ ‘nu rempiantu

‘ruci lu côre

mo’ redevi fiori’

‘n poi mori’

‘nsieme a mi’.

FINALINO

Paese mie

nun te pozzo scurda’

lu recordu de ti’

po’ bbasta’

pe’ campa’.

X