IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio, Pierluigi Biondi, Luigi D'Eramo

Scambio con Asl, Arta a Collemaggio

L'Aquila, la nuova sede dell' Arta sarà a Collemaggio: accordo che prevede lo scambio di sedi tra Asl dell'Aquila e l’Agenzia regionale per la tutela ambientale

La nuova sede dell’ Arta sorgerà a Collemaggio in virtù di un accordo che prevede uno scambio di sedi tra Asl dell’Aquila e l’Agenzia regionale per la tutela ambientale.

L’accordo è frutto di un lungo iter burocratico che vede coinvolti la Regione Abruzzo, la Asl 1, l’Arta e il Comune dell’Aquila.

Nel cuore dell’accordo, la realizzazione del progetto del polo universitario ex San Salvatore – sito in piazza San Basilio – e la risoluzione della vicenda della sede dell’Arta.

Una vicenda complicata che si può riassumere così.

Arta prima del terremoto aveva la propria sede a viale Nizza, nei pressi dell’attuale Polo Umanistico a San Basilio; attualmente si trova a Monticchio.

Nel protocollo che verrà siglato giovedì, Arta firmerà per lasciare quell’edificio alla Asl e, in cambio, avrà una palazzina a Collemaggio.

Su questa palazzina dovranno essere fatti ovviamente degli interventi: i fondi ci sono, circa 3 milioni di euro, provenienti dal Cipe e dirottati dalla ex sede di viale Nizza – ha spiegato il presidente vicario della Regione Abruzzo Giovanni Lolli, nell’annunciare l’accordo.

L’accordo rientra nel progetto dell’ampliamento del Polo umanistico in centro e della creazione di spazi aperti e pienamenente vivibili dagli studenti: in quell’area è prevista un’ampia piazza con servizi, proprio nelle vicinanze dell’edificio ex Arta.

“Con questi due recuperi si compie un ulteriore passo in avanti verso la ricostruzione della città dell’Aquila” commenta Lolli, “ridando dignità e utilizzo pubblico a due spazi tra i più belli e significativi: uno, sulla collina di Collemaggio, da dove si gode di una panorama unico sulla Majella e sul Gran Sasso e l’altro in una piazza su cui incombe la presenza monumentale del convento di San Basilio, dove sono presenti ed evidenti i segni del passaggio di Celestino, Papa del Perdono”.

X