IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio, Pierluigi Biondi, Luigi D'Eramo

West Nile Virus, ancora pericolo di contagio

È pieno dicembre ma c'è ancora rischio di contagio del West Nile Virus a causa della stagione autunnale particolarmente mite che sta per terminare.

È pieno dicembre ma c’è ancora rischio di contagio del West Nile Virus a causa della stagione autunnale particolarmente mite che sta per terminare.

Il West Nile Virus – malattia che colpisce uomini e animali – è veicolato infatti da zanzare, ancora presenti nonostante ci troviamo a metà dicembre: in Italia sono 46 i morti fra gli uomini, 576 le persone colpite in totale e 149 i cavalli trovati positivi.

Del West Nile Virus Il Capoluogo vi aveva già parlato qualche settimana fa, anche a seguito dei controlli effettuati dalla Asl 1.

Controlli che la Azienda Sanitaria Locale sta portando avanti, con servizi di sanità animale per trattare gli animali infetti e per controllare l’eventuale diffusione della malattia: nel 2018 i campioni esaminati sono stati 160 ed i controlli hanno dato tutti esito negativo.

L’Italia ha un triste record di casi positivi tra i paesi europei :1500 le persone colpite in Europa, un terzo sono in Italia. La situazione tra i cavalli rispecchia la situazione: 149 cavalli trovati positivi, su un totale di 285, sono in Italia. Segue l’Ungheria

West Nile Virus: come si trasmette

Il virus West Nile si presenta mediante febbre e sintomi neurologici, nell’uomo così come nei cavalli e negli animali avicoli.

La malattia viene trasmessa dalle punture delle zanzare che si infettano pungendo uccelli selvatici positivi. Per cui i serbatoi del virus sono zanzare e volatili: umo, cavallo e avicoli sono solo ospiti terminali, ovvero possono essere infettati ma non possono contagiare né altre persone né animali.

Per i cavalli è disponibile ed è consigliabile la vaccinazione.

“Come consiglio utile per ridurre il rischio di esporsi alle punture delle zanzare – dichiarano i veterinari della Asl – l’indicazione , oltre a quella di fare uso di repellenti, è di limitare i luoghi umidi vicini all’abitazione dove le zanzare si riproducono e di svuotare (almeno una volta a settimana) l’acqua da sottovasi, ciotole di animali da compagnia, secchi, botti ecc.”

X